Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Eventi > Vino

Il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria a Collisioni 2016 – Il festival “Agrirock

DoveBarolo (CN) - Castello di Barolo

Quandodal 14 luglio 2016 al 18 luglio 2016

di Mariella Belloni

MappaArticolo georeferenziato

A Barolo (Cuneo) dal 14 al 18 luglio con “Il Progetto Vino di Collisioni”, un ciclo di degustazioni e incontri  con produttori, influencer e buyer da tutto il mondo

 

Roberto Erario, presidente: “Saremo in grado di rappresentare la qualità, la diversità, la genuinità e la capacità innovativa di una delle eccellenze della produzione vitivinicola pugliese e simbolo del Made in Italy”

 

Il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria parteciperà dal 14 al 18 luglio a Collisioni 2016, il festival “Agrirock” che a Barolo (Cuneo) ha radunato lo scorso anno oltre 100.000 spettatori provenienti da tutta Italia e dall'estero. Un popolo di amanti del vino e della buona musica che ogni anno si raduna in Piemonte e trasforma il piccolo borgo vinicolo in un crocevia di culture e grandi scuole vinicole, gettando ponti tra le grandi tradizioni  regionali, nel segno dell'interscambio e del gemellaggio. Il legame musicale e vinicolo con la Puglia quest'anno è forte come non mai. Chiuderanno infatti il festival di Barolo, proprio i Negramaro in concerto. Ma il pubblico grazie al progetto vino potrà anche conoscere i grandi Primitivo di Manduria, nel palco del Castello di Barolo.  

 

Accanto ai grandi nomi internazionali della musica e della letteratura, il vino italiano avrà un ruolo centrale all’interno della manifestazione, insieme al Consorzio di una delle eccellenze enologiche più prestigiose del sud Italia. Collisioni, infatti, propone il “Progetto Vino”, un ciclo di degustazioni e di incontri, curati dal giornalista Ian D’Agata, collaboratore di Vinous e Decanter, nonché direttore scientifico di Vinitaly International,  che porteranno a Barolo produttori, influencer e buyer da tutto il mondo.

 

Per il progetto, le suggestive sale del Castello di Barolo ospiteranno un focus dedicato alla denominazione del "Primitivo di Manduria", in cui il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria presenterà ai professionisti del vino internazionale le sue perle enologiche. La realtà pugliese ha da poco ricevuto dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali il prestigioso Erga Omnes, riconoscimento che gli attribuisce il ruolo di decisore e coordinatore esclusivo di tutte le politiche di valorizzazione, oltre che di tutela, delle denominazioni d’origine controllata del Primitivo.

 

“Un orgoglio per noi partecipare a Progetto Vino di Collisioni 2016, un appuntamento caratterizzato da esperti di grande richiamo conosciuti in tutto il mondo – dichiara Roberto Erario, presidente del Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria.- Saremo in grado di rappresentare la qualità, la diversità, la genuinità e la capacità innovativa di una delle eccellenze della produzione vitivinicola pugliese e simbolo del Made in Italy”.

"Un impegno gradito" aggiunge Ian D'Agata "avere l'onore di presentare insieme al Presidente questa grande denominazione pugliese ai giornalisti e ai sommelier dei diversi ristoranti stellati di tutto il mondo che abbiamo invitato quest'anno al Progetto Vino di Collisioni. Nella speranza di poter replicare presto il format Collisioni nella Terra del Sole!"

 

Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria

 

Il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria nasce ufficialmente il 16 febbraio 1998 grazie all’impegno di un gruppo di produttori di costituire un istituto giuridico in grado di tutelare il vino “Primitivo di Manduria”.

 

Lo strumento a cui si ispirarono era la legge n°164 del 1992 e su quel dispositivo arrivò il primo statuto con la sottoscrizione di dieci aziende tra cooperative e private sicuramente tra le più rappresentative del territorio. Dopo quel primo, essenziale punto di partenza, ogni sforzo fu rivolto ad aumentare il numero di aderenti per ottenere quel 40% della rappresentatività del prodotto oggetto di tutela, limite minimo richiesto dalla legge per il riconoscimento ministeriale che, finalmente fu ottenuto col decreto ministeriale del 5 aprile 2002.

Gli addetti ai lavori di tutta Italia erano ben consapevoli delle enormi potenzialità del vino primitivo, ma se ne guardavano bene dal farlo sapere in giro, tanto era importante per loro lasciarlo lì a nobilitare altri vini di grande nome e chiara fama.

 

Sono loro i primi, oggi, a rimanere sconcertati dal successo riscosso in pochissimo tempo grazie alla presa di coscienza dei produttori che riducendo i quantitativi di uva per ettaro, vinificando con l’uso delle più avanzate tecnologie ed impadronendosi delle più opportune strategie di marketing, presentano, oramai in tutto il mondo, un vino elegante ed appagante; un genio multiforme che, a seconda dei vari metodi di lavorazione ed affinamento, riesce ad esprimersi con diverse sfumature e sensazioni di gusto in un'armonia inimitabile di colore, profumo e sapore.

 

A dicembre 2015, il Consorzio ha ottenuto dal Ministro delle Politiche Agricole e Forestali l’attribuzione dell’incarico a svolgere funzioni di tutela, promozione, valorizzazione, vigilanza,  informazione del consumatore e cura generale degli interessi di cui all’art. 17, comma 1 e 4 del d. lgs.8 aprile 2010, n. 61 - Erga Omnes per la DOC Primitivo di Manduria. A tal fine sono già stati formati due agenti vigilatori che avranno il titolo di pubblici ufficiali ed in collaborazione con l’istituto centrale qualità repressione e frodi, potranno effettuare dei controlli anche sui vini già posti a scaffale, per tutelare il consumatore ed i produttori da irregolarità o anomalie relative al prodotto che non rispetta i dettami del Disciplinare di produzione.

 

Oggi il Consorzio di Tutela è composto da 25 aziende che vinificano ed imbottigliano e da oltre 850 soci viticoltori, per passione.

 

Produzione

Uve prodotte: 124.326 quintali

Vino trasformato: 85.961 ettolitri

Imbottigliato: 95.876,00 ettolitri

 

 

Letto 926 voltePermalink[0] commenti

Tags


Warning: min() [function.min]: Array must contain atleast one element in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/tags_articolo.php on line 7

Warning: max() [function.max]: Array must contain atleast one element in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/tags_articolo.php on line 8

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Mariella Belloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti