Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Eventi > Vino

LE MALVASIE A VENEZIA: VIAGGIO NEL CALICE, DAL MEDITERRANEO ALLA CITTÀ DELLA SERENISSIMA

DovePalazzo della Regione, Fondamenta S. Lucia - Cannaregio, 23 Hotel Principe - Lista di Spagna, 146 Br, Venezia (VE) - Venezia

Quandodal 20 maggio 2016 al 21 maggio 2016

di Luigi Bellucci

MappaArticolo georeferenziato

 Venezia ospiterà l’evento che aprirà la Giornata Nazionale della Cultura del Vino e dell'Olio di AIS

Sarà un appuntamento dedicato ad un vitigno, la Malvasia, strettamente legato alla storia di Venezia, quello organizzato dalla delegazione veneziana AIS Veneto. Una vera e propria anteprima della sesta edizione della Giornata Nazionale della Cultura del Vino e dell'Olio di Associazione Italiana Sommelier, in programma in contemporanea nelle diverse regioni italiane sabato 21 maggio 2016 e che vanta il patrocinio del MIPAAF 

Il compito di inaugurare la Giornata Nazionale della Cultura del Vino e dell'Olio spetterà infatti a “Malvasie a Venezia”, evento organizzato dalla delegazione veneziana di AIS Veneto, che si svolgerà venerdì 20 maggio con la collaborazione dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino e dell’Associazione Malvasie del Mediterraneo.

Una manifestazione che si snoderà in tre diverse location della città lagunare e racconterà la storia di un vitigno legato indissolubilmente alla cultura enologica dei popoli mediterranei. Nella giornata del 20 maggio, dalle 9.30 alle 19.00, presso il Palazzo della Regione di Venezia, l’Hotel Principe ed il Brolo dei Carmelitani Scalzi, saranno davvero tanti i momenti in cui riscoprire questa antica varietà viticola.

L’evento si aprirà al Palazzo della Regione alle 9.30 con la tavola rotonda “Le chiamano Malvasie: che cosa sono e come sono percepite dal consumatore” che vedrà come relatori illustri docenti delle più importanti università italiane. Alle 15.00 l’evento proseguirà con la degustazione guidata a cura di Vito D’Amanti, docente AIS, e il Prof. Vincenzo Gerbi dell’Università di Torino, che presenteranno “Le Malvasie del Mediterraneo”, confronto diretto fra 8 differenti tipologie di questo storico vitigno.

All’Hotel Principe, dalle 12.00 alle 19.00, gli ospiti ed il pubblico potranno invece dilettarsi tra i banchi d’assaggio, supportati dai sommelier veneti, alla scoperta di oltre 50 interpretazioni di Malvasia del Mare Nostrum.

Ultimo, affascinante appuntamento della giornata sarà la  visita al Brolo dei Carmelitani Scalzi - Santa Maria di Nazareth. La visita guidata porterà i partecipanti alla scoperta  del giardino mistico e alle vigne dell’antico brolo dell’ordine monastico riportato all’antico splendore grazie al lavoro del Consorzio Vini Venezia.

Due gli orari disponibili: alle 17.00 e alle 18.00 (max 25 persone, iscrizione online obbligatoria).

Per un’intera giornata Venezia tornerà dunque ad essere la capitale del vino del Mediterraneo, sulla rotta tracciata dalla Serenissima Repubblica. Fu grazie all'opera dei veneziani se, a partire dal XV secolo, la Malvasia divenne il vino più importante d'Europa. Questa varietà veniva  importata direttamente dalla città greca di Monemvasia, da cui prese il nome, ed ebbe un tale successo che alcune osterie della città lagunare cominciarono a vendere esclusivamente Malvasia, tanto da venir identificate con il termine stesso. Ancor oggi a Venezia calli e ponti ricordano questo vitigno e con il termine “Malvasie” si indicano i locali in cui si servono principalmente vini sfusi.

L’accesso all’evento avverrà previa iscrizione al portale AIS Veneto http://we.aisveneto.it/gncultura

Ufficio stampa: Gheusis Srl – tel. 0422 928954 – Email: info@gheusis.com

Letto 903 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Luigi Bellucci

Luigi Bellucci


 e-mail

Sono nato in una torre malatestiana del 1350 sulle primissime colline del Montefeltro romagnolo. Forse per questo mi ha sempre...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti