Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Vocacibario

Vocacibario

Chianti Lovers 2016

di Virgilio Pronzati

MappaArticolo georeferenziato

 Anche se l’anteprima del Chianti è oggi seconda, rimane sempre l’unica concomitante con il giorno di San Valentino. Forever Chianti Lovers.  La Toscana del vino oltre a vantare un ineguagliabile bagaglio storico, possiede creatività e dinamismo non comuni.  Bella e indovinata la pubblicità sui tram di Firenze.  Per tutto il periodo delle Anteprime Toscane il logo di Chianti Lovers ha sfrecciato di giorno e di notte per le vie fiorentine.  Un’immagine moderna che non stona certo con quella del passato.  Prima e dopo il periodo bellico, il Chianti era ed è il vino rosso italiano più conosciuto nel mondo. Tra i tanti personaggi che contribuirono a creargli fama, il nobile Bettino Ricasoli detto il Barone di ferro. Uomo di cultura, imprenditore agricolo e dal forte senso per la Patria che, dopo l’unità d’Italia, ricoprì l’incarico di primo ministro.  Ma il fatto più importante è che il vino è sinonimo della zona in cui è nato.

Dalla prima delimitazione della zona di produzione col decreto ministeriale del 1932, il Chianti passa con la Doc del 1967 tra i vini italiani di maggior pregio. Altro salto di qualità nel 1984 con l’ottenimento della Docg. 
Attualmente il Chianti rappresenta il 48% del vino Doc e Docg della Toscana.

Tornando all’anteprima svoltasi per la seconda volta nella sede dell’ex Manifattura Tabacchi alle Cascine di Firenze, ha ottenuto un meritato successo, sia per la qualità dei vini che per la grande affluenza di pubblico. In degustazione sia per la stampa specializzata che per il pubblico, 183 Chianti Docg delle annate 2015, 2014 e 2013 così suddivisi: novantasei 2015 di cui dodici Colli Senesi, due Colli Aretini e un Montalbano; ventinove 2014 di cui undici Rùfina, sette Colli Fiorentini, tre Montespertoli e otto Superiore; cinquantotto Riserva 2013, di cui otto Rùfina, sette Colli Fiorentini, cinque Colli Senesi, quattro Montespertoli e due Montalbano.

I Chianti dell’ottima vendemmia 2015 sono ovviamente giovani ma globalmente di buon livello. Più caratterizzati quelli delle sottozone.  Sui vini della vendemmia 2014 c’è da fare un chiarimento.  Che non sia da annoverare tra le migliori è assodato, ma non è stata così negativa com’è stato scritto (anche prima della vendemmia). Basti pensare che la Toscana ha prodotto nel 2014 ben 2.770.594 ettolitri, settecentomila più del 2012 e quattrocentomila più del 2013.  Se un terzo dei vini della penultima  annata è stato un po’ magro e corto,  con un fruttato semplice, il resto in generale era schietto e di gradevole scorrevolezza.  Vorrà dire che ci sarà un consumo più diffuso, in particolare nella GDO, per il buon rapporto qualità-prezzo.  Per le Sottozone un discorso diverso. Sia per caratteristiche che per annata.   

Su tutte il Rùfina. Ancora giovane ma già godibile il 2015, meno pieno ma molto fresco e tannico il 2014, più composito e complesso il Riserva 2013.  Subito dopo con le stesse annate, i Montespertoli e i Colli Fiorentini. Entrambi con similari caratteristiche dei precedenti. Pieni e persistenti i primi, più freschi e fruttati i secondi in particolare i 2015. I Riserva in generale si sono presentati fruttati, compositi e di buon equilibrio. I due Montalbano hanno espresso una buona struttura. Gli otto Rùfina hanno spiccato per finezza e freschezza. Pieni e caldi i quattro Montespertoli.  Fruttati e freschi i sette Colli Fiorentini. Invitanti e armonici i cinque Colli Senesi. Lo stesso ma con leggere differenze i trentadue Chianti Riserva per le naturali e differenti condizioni pedoclimatiche.

Due parole sull’ente consortile: Il Consorzio del Chianti (una volta col Putto), è il più vecchio essendo stato istituito nel lontano 1927, e anche il più grande del Classico, Rùfina, Colli Fiorentini ecc., contando oltre 2.500 produttori che operano su 14.645 ettari di vigneto. Di rilievo anche la produzione che si attesta sui 769.000 ettolitri (questo la stessa denominazione può essere integrata con le menzioni aggiuntive Colli Aretini, colli Fiorentini, Colli Senesi, Colline Pisane, Montalbano, Rùfina e Montespertoli, ovviamente con diverse regole produttive: 90 quintali per il Chianti, 80 quintali per le sottozone e 75 quintali per il Chianti Superiore.

Una delle tante virtù del Chianti, è il piacere di berlo giovane, per coglierne la fragranza dei profumi, e godere della sua fresca e sapida beva. Affinato e Riserva, regala sensazioni uniche ed esalta secondi piatti di carne e formaggi ovini stagionati.  Un vino che racconta il territorio, e che si sposa a innumerevoli piatti della cucina nostrana e straniera. Non a caso, per rimarcare queste sue invitanti caratteristiche, il Consorzio del Chianti ha proposto un’importante e seria modifica del disciplinare senza sminuirne la qualità. Ossia la possibilità di anticipare l’immissione sul mercato del vino Chianti Docg nelle sue varie articolazioni territoriali e tipologie. 

1° gennaio 2015 per Chianti, Chianti Colli Aretini, Chianti Colli Senesi, Chianti Colline Pisane e Chianti Montalbano. 

1° aprile 2015 per Chianti Montespertoli

1° luglio 2015 per Chianti Colli Fiorentini, Chianti Rufina e Chianti Superiore

Le aziende presenti

Agricola Pugliano- Agricola TamburiniAgrisoleAzienda Agricola Castel di Pugna – Azienda Agricola Casale di Giglioli - Azienda Agricola San Gregorio -  Azienda Agricola Casa di Monte – Azienda Agricola Casale - Azienda Agricola Castel di PugnaAzienda Agricola Giacomo MoriAzienda Agricola Il Ciliegio - Azienda Agricola La Cignozza – Azienda Agricola Marini Giuseppe - Azienda Agricola Lanciola- Azienda Agricola Le Fonti- Azienda Agricola Le Torri – Azienda Agricola Pietralta – Azienda Agricola Montechiaro - Azienda Agricola Montaioncino -Badia di MorronaBindi Sergardi - Buccianera - CamperchiCampochiarenti - Campo del Monte - Cantina Gentili - Cantina Sociale Certaldo - Cantina Sociale Colli Fiorentini -Valvirginio  - Cantine F.lli Bellini – Cantine l’Arco - Cantine Ravazzi  – Casa di Monte -  Casale dello SparvieroCastello del TrebbioCastello di Gabbiano – Castello di Oliveto – Castello di Poppiano-Guicciardini – Castelvecchio – Colognole - Chianti Trambusti - Corbucci - DreolinoFattoria BettiFattoria CasabiancaFattoria Casagrande -Fattoria CasalboscoFattoria di BagnoloFattoria di Fiano – Fattoria di Faltoniano - Fattoria di Piazzano - Fattoria La Leccia - Fattoria di PoggiopianoFattoria di SammontanaFattoria DianellaFattoria Fazzuoli – Fattoria La Poggiola - Fattoria I VeroniFattoria Il CapitanoFattoria Il Poderaccio – Fattoria Il Lago – Fattoria Il Muro - Fattoria LavacchioFattoria Le Sorgenti – Fattoria Montereggi - Fattoria Petriolo – Fattoria Poggio Alloro -  Fattoria San FabianoFattoria San LeolinoFattoria San Michele a TorriFattoria SelvapianaFattoria UccellieraFattoria ValacchiFattoria Varramista – Forconi Fabrizio – Podere dell’Anselmo – Fattoria Parri – Ficomontanino - FrascoleGuidi 1929La Querce – La Querce Seconda-Niccolò Bernabei - Le ChiantigianeLe Fonti a San Giorgio -  MalenchiniMannucci DroandiMarchesi De’ FrescobaldiMarchesi Gondi - Tenuta Bossi  - MeliniMigliarina & Montozzi  – PaternaPiandaccoliPodere Alberese – Poderi Arcangelo  - Paterna – Podere La Castellaccia  - Podere Il Pozzo – Podere Pompone e Pola - Podere VolpaioPoderi Tognetti – Poggio Bonelli  -  Poggio del MoroPoggiotondoRuffino – Sensi Vigne e Vini – SalchetoSangervasio  – Tenute Cantagallo e Le Farnete - Tenuta di Artimino - Tenuta Canto alla Moraia - Tenuta Larnianone – Tenuta di MorzanoTenuta Il CornoTenuta Moriano – Tenuta Tresanti - Tenuta San JacopoTenute di Fraternita –  Tenuta Parentini  - Tenuta San VitoTerre di San Gorgone - Trecciano – Usiglian del Vescovo – Villa Travignoli  – Vino Sorelli

 

Letto 2917 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Virgilio Pronzati

Virgilio Pronzati


 e-mail

Virgilio Pronzati, giornalista specializzato in enogastronomia e già docente della stessa materia in diversi Istituti Professionali di Stato...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti