Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Doc e Docg

Doc e Docg

Doc e Docg: Offida Doc

di Sergio Ronchi

MappaArticolo georeferenziato

Siamo in Provincia di Ascoli Piceno, sulle colline nell'entroterra. Qui incontriamo Offida, bella cittadina di antiche origini, cinta da mura e con la struttura rimasta medioevale il cui centro vitale ruota intorno al palazzo comunale del XIV secolo. Ed è proprio fin dalla sua fondazione che su queste colline si coltivava la vite.
La DOC è stata ottenuta nel 2001, grazie anche all'utilizzo di due vitigni autoctoni da poco riscoperti che hanno permesso anche la velarizzazione del territorio.
La zona di produzione comprende 22 comuni situati nelle colline della provincia di Ascoli Piceno comprese fra i fiumi Aso e Tronto, tra cui ovviamente anche Offida. La tipologia vin santo può essere prodotta solo nei comuni di Offida e Ripatransone.

Tre le tipologie di vini previsti dal disciplinare:
Offida Passerina, Offida Pecorino, Offida Rosso.

Offida Passerina, vitigno Passerina minimo 85% ed eventualmente altri vitigni a bacca bianca non aromatici, raccomandati e/o autorizzati per la zona; titolo alcolometrico volumico minimo 11,5%.
Con le uve sottoposte ad appassimento e ammostate tra il 1° dicembre dell'anno della vendemmia e il 31 marzo di quello successivo, si ottengono vini della tipologia "passito" con titolo alcolometrico volumico minimo 15,5% e invecchiamento di diciotto mesi, di cui dodici in legno e "vino santo" con titolo alcolometrico volumico minimo 15,5% e invecchiamento di trentasei mesi, di cui ventiquattro in legno.
Dal vino base è possibile anche produrre una tipologia "spumante" con "metodo classico" o "charmat".

Offida Pecorino, vitigno Pecorino minimo 85% ed eventualmente altri vitigni a bacca bianca non aromatici, raccomandati e/o autorizzati per la zona; titolo alcolometrico volumico minimo 12%.

Offida Rosso, vitigno Montepulciano minimo 50%, Cabernet Sauvignon minimo 30% e con quelle di altri vitigni a bacca rossa, non aromatici, raccomandati e/o autorizzati per la zona.

Il vino Offida nelle tipologie bianche si abbina bene con la cucina di mare come antipasti o zuppe di pesce, molluschi e crostacei. Nella tipologia Pecorino si abbina a un piatto del territorio come il brodetto. L'Offida rosso richiede piatti più strutturati a base di salse o con carni rosse stufate o alla brace.

Letto 5051 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Sergio Ronchi

Sergio Ronchi

 Sito web
 e-mail

Appassionato di vino da molto tempo, ho organizzato vari eventi di presentazione prodotti utilizzando varie location a Milano, Padova, Bergamo,...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti