Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Doc e Docg

Doc e Docg

Doc e Docg: Vernaccia di Serrapetrona Docg

di Sergio Ronchi

MappaArticolo georeferenziato

Gazzetta Ufficiale n. 205 del 1-9-2004
Tipologia: Vernaccia di Serrapetrona. Vino spumante nelle tipologie secco e dolce
Vitigni: Vernaccia nera almeno per l'85%, possono concorrere alla produzione di detto vino anche uve provenienti da vitigni a bacca rossa, idonei alla coltivazione nella provincia di Macerata, da soli o congiuntamente, in misura non superiore al 15% del totale.
Zona di produzione: Comune di Serrapetrona e in parte quello dei comuni di Belforte del Chienti e di San Severino Marche tutti nella provincia di Macerata.
Condizioni ambientali: Devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a conferire alle uve e al vino derivato le specifiche caratteristiche, quindi i vigneti di giacitura ed orientamento adatti con una altitudine non superiore ai 700 metri; sono esclusi i terreni di fondovalle e non sufficientemente soleggiati.
Densità per ettaro: Non inferiore a 2.200 ceppi
Resa massima: 10 t. per ettaro
Titolo alcolometrico volumico totale: 11,5% minimo
Resa massima dell'uva: Inferiore al 58%
Vinificazione: Sono ammesse soltanto le pratiche enologiche locali, leali e costanti, tra le quali quella che prevede che non più del 60% delle uve con l'inclusione totale di quelle provenienti dai vitigni complementari, deve essere vinificato all'atto della vendemmia; il rimanente, non meno del 40% delle uve, costituito per la totalità da quelle provenienti dal vitigno Vernaccia nera derivante dalla zona delimitata dal precedente art. 3 deve essere sottoposto ad appassimento, fino ad assicurare al mosto così ottenuto un titolo alcolometrico volumico naturale minimo di 13% vol.
Invecchiamento: Immissione sul mercato non prima del 30 giugno dell'anno successivo a quello della raccolta della uve.

Serrapetrona è una cittadina nel centro delle Marche, in provincia di Macerata. N questa zona la collina diventa più aspra spostandosi nell'Appennino centrale. E' in questa zona che viene prodotto questo vino spumante rosso composto principalmente da uve Vernaccia Nera e che come particolarità il disciplinare richiede un appassimento di almeno il 40% delle uve. La sua produzione è sempre stata molto limitata e addirittura nel 1863 si diede per estinto il vitigno. Anche oggi la produzione è ancora molto limitata e spesso è difficile da reperire nelle enoteche.

Il colore è rosso cupo e con una buona spuma. Lo possiamo trovare con diverse caratteristiche, da secco a dolce, con sentori di fragola e di lampone ma con un finale amarognolo. L'abbinamento lo si può fare con i dolci tipo crostate di frutta o di confettura di frutta rossa, pandolce, anche se la versione secca la possiamo abbinare anche a carni rosse o a bolliti accompagnati da mostarde alla frutta. Interessante anche l'accostamento della versione secca con formaggi di media stagionatura. All'inizio del secolo scorso si festeggiava nelle corti con polenta e sapa (mosto cotto concentrato) e un bicchiere di Vernaccia di Serrapetrona.

Letto 5508 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Sergio Ronchi

Sergio Ronchi

 Sito web
 e-mail

Appassionato di vino da molto tempo, ho organizzato vari eventi di presentazione prodotti utilizzando varie location a Milano, Padova, Bergamo,...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti