Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Doc e Docg

Doc e Docg

Doc e Docg: Morellino di Scansano Docg

di Sergio Ronchi

MappaArticolo georeferenziato

Gazzetta Ufficiale n. 278 del 29 novembre 2006.
Tipologia: Morellino di Scansano e Morellino di Scansano Riserva.
Vitigni: Sangiovese minimo 85%; possono essere aggiunte altre uve a bacca rossa raccomandate o autorizzate fino a un massimo del 15% (Canaiolo nero, Ciliegiolo, Alicante e Colorino, Cabernet franc e Cabernet sauvignon).

Zona di produzione: comprendente la fascia collinare della provincia di Grosseto tra i fiumi Ombrone e Albegna, che include l'intero territorio amministrativo del comune di Scansano e parte dei territori comunali di Manciano, Magliano in Toscana, Grosseto, Campagnatico, Semproniano e Roccalbegna, tutti nella provincia di Grosseto.

Condizioni ambientali: devono essere quelle tradizionali della zona e comunque atte a conferire alle uve ed al vino le specifiche caratteristiche di qualità. Sono pertanto da considerarsi idonei unicamente i terreni collinari di buona esposizione con esclusione di quelli di fondo valle.

Densità per ettaro: Non inferiore a 4.000 ceppi
Resa massima: 9 t. per ettaro
Titolo alcolometrico volumico totale: 12,5% minimo.
Invecchiamento: Non può essere immesso al consumo prima del 1° marzo dell'anno successivo alla vendemmia. La tipologia Riserva, dovrà avere titolo alcolometrico minimo di 13% e un invecchiamento di almeno 26 mesi di cui 12 in botti di legno.

La zona di produzione di questo vino rosso è quella compresa tra i fiumi Ombrone e Albegna e comprende la zona collinare di vari comuni in provincia di Grosseto. Le colline del territorio sono molto dolci e spesso non molto elevate, infatti la vite è coltivata ad un'altitudine massima di m. 500. I terreni sono molto diversificati e si possono trovare acidi, sabbiosi o alcalini e anche il microclima è particolare e cioè caldo e asciutto d'estate con piogge scarse. I "sangiovesi" di questa zona sono certamente quelli con i tannini più dolci e con il colore più interessante di tutta la Toscana. Nel bicchiere troviamo un colore rosso rubino che con l'invecchiamento tende al granato, profumo vinoso, intenso, di frutti rossi e a volte leggermente speziato. Si abbina a tutti i piatti di carne in particolare alle carni rosse alla griglia, ma anche con formaggi di media stagionatura e salumi non troppo stagionati.

Letto 4561 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Sergio Ronchi

Sergio Ronchi

 Sito web
 e-mail

Appassionato di vino da molto tempo, ho organizzato vari eventi di presentazione prodotti utilizzando varie location a Milano, Padova, Bergamo,...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti