Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Vocacibario

Vocacibario

VIII Edizione della Festa del Ruchè

di Virgilio Pronzati

MappaArticolo georeferenziato

L’exploit del Ruchè di Castagnole Monferrato. Già dalla scorsa edizione i suoi consumi sono aumentati.  Gran merito di ciò è sicuramente la crescente qualità dei vini e della Festa del Ruchè promossa dal Comune di Castagnole Monferrato, Go Wine e Pro Loco.  Una manifestazione dove oltre al vino è valorizzato l’intero territorio con tutte le proprie risorse. L’edizione 2015, svoltasi il 9 e il 10 di maggio nella Tenuta La Mercantile ha superato il successo delle precedenti.  Tutto esaurito il sabato e grande affluenza di pubblico nella domenica.  Alcune migliaia le degustazioni, cresciute di oltre il 30% rispetto al 2014, già archiviata come l’edizione record.

Ben diciotto le aziende 18 aziende vinicole presenti (di cui 14 con vini giudicati alla cieca) con banchi d’assaggio affollati da innumerevoli visitatori.  Come ogni anno, c’è stata la degustazione riservata a operatori del settore, stampa e enoappassionati.  Quest’anno, due le degustazioni alla cieca del Ruchè di Castagnole Monferrato Docg, condotte dal valido Giancarlo Sattanino, Delegato Onav di Asti.  La prima alle 10,30 con nove vini, la seconda alle 15,00 con altrettanti vini.  Tra le varie annate poste in degustazione anche l’ultima, la 2014, dall’andamento climatico con non pochi problemi che, risolti poi con i dovuti interventi nel vigneto, ha dato non solo dei buoni vini ma una maggiore quantità di uve, da cui sono derivate circa 700 mila bottiglie, il 12% in più rispetto al 2013. 

Il Ruchè di Castagnole Monferrato è stato insignito della Docg l’8/10/2010.  Si tratta di un pregiato vino rosso semiaromatico, nato in una ristretta zona comprendente solo sette comuni: Castagnole Monferrato “il Cuore del Ruchè”, Grana, Montemagno, Portacomaro, Refrancore, Scurzolengo e Viarigi. Attualmente il Ruchè di Castagnole Monferrato deve essere prodotto con almeno il 90% delle uve omonime (il 10% barbera o brachetto). 
Dal censimento del 2011 risultano solo 103 ettari con 499.401 bottiglie, che fanno di questo vino una delle più piccole e particolari DOCG nazionali. A conferirgli la meritata notorietà, due illustri castagnolesi, il parroco don Giacomo Cauda che lo riscoprì negli anni ‘70, e il sindaco Lidia Bianco che contribuì all’ottenimento della DOC nel 1987.  

Facendo una carrellata sui diciotto Ruchè di Castagnole Monferrato, sono emerse le seguenti considerazioni.  Quelli dell’annata 2014 si sono espressi con profumi floreali, fruttati e lievemente speziati, molto freschi, sapidi, giustamente tannici e discretamente pieni e persistenti.  Dall’annata 2013: al naso vini intensi, persistenti, fruttati e speziati e sapidi, piacevolmente tannici, pieni e persistenti in bocca. Alcuni erano già pronti e maturi.  L’unico 2012 già un po’ evoluto, ha espresso al naso discreta intensità e persistenza, sentori fruttati e speziati, mentre in bocca era sapido, abbastanza pieno e persistente.  Un giudizio globale senza dubbio positivo. 

Al riguardo, altrettanto favorevoli le affermazioni di Luca Ferraris, presidente del Consorzio di Tutela: “L'annata 2014, visto l’andamento climatico, non è stata affatto negativa se non forse per la minore quantità. Anzi, rappresenta una conferma della maturità professionale di tutti i produttori che sono intervenuti prontamente con diradamenti per salvaguardare la bontà del Ruchè. Ritengo che si potrebbe paragonare al 2013, in alcuni casi potrebbe essere anche superiore. L'annata 2013, infatti, fu più asciutta ma le elevate produzioni ci colsero abbastanza di sorpresa mentre le piogge estive soprattutto nel mese di luglio 2014, ci avvertirono sulla pericolosità di una annata così anomala dandoci la possibilità di rimediare prontamente con interventi di vendemmia verde”.

Altri motivi d’interesse: L’affollato convegno sull’ultima annata e sulle tecniche di produzione. La consegna del prestigioso Premio Vin Di Vino 2014, assegnato meritatamente a Ugo Massimelli, titolare da quasi trent’anni dell’azienda Bersano di Nizza Monferrato, storica cantina astigiana.  La presentazione del libro “Il Vino del Papa - L’avventurosa storia del Ruchè e il mistero della bottiglia scomparsa”, curata da Giacomo Fasola, Francesco Moscatelli e Ilario Lombardo.  Oltre al Ruchè di Castagnole Monferrato, i moltissimi visitatori hanno apprezzato i golosi piatti preparati da Pro Loco e dai ristoranti locali.  Degna conclusione con musica e balli.

I premiati delle scorse edizioni: Don Giacomo Cauda Parroco del Ruche’, Azienda F.lli Dezzani, Tipografia Viglongo di Torino, Luca Ferraris e Francesco Gatto, Guido Bosco, Enrico Morando, Maurizio Conti, Claudio Delfini, Paolo Desana, Marco Crivelli e Luciano Nattino.

I produttori presenti: Amelio Livio di Grana; Bersano di Nizza Monferrato; Borgognone Francesco di Castagnole Monferrato; Cantina Sociale di Castagnole Monferrato; Cantine Sant’Agata di Scurzolengo; Capuzzo Renato di Castagnole Monferrato; Cascina Terra Felice di Castagnole Monferrato; Crivelli Marco di Castagnole Monferrato; Luca Ferraris di Castagnole Monferrato;  Garrone Evasio & Figlio di Grana; Gatto Pierfrancesco di Castagnole Monferrato; Goggiano di Refrancore; Il Vino dei Padri di Monale; La Mondianese di Montemagno (At); Montalbera Terra del Ruchè di Castagnole Monferrato; Poncini Domenico di Castagnole Monferrato; Tenuta dei Re di Castagnole Monferrato; Tenuta Montemagno di Montemagno.

1° degustazione delle ore 10,30

N° ordine

DENOMINAZIONE

ANNO

Nome Fantasia

AZIENDA

1

Ruchè di Castagnole Monferrato

2014

 

AMELIO LIVIO

2

Ruchè di Castagnole Monferrato

2014

San Pietro

BERSANO

3

Ruchè di Castagnole Monferrato

2014

 

CRIVELLI MARCO

4

Ruchè di Castagnole Monferrato

2014

Clàsic

FERRARIS LUCA

5

Ruchè di Castagnole Monferrato

2014

 

GARRONE EVASIO E FIGLIO

6

Ruchè di Castagnole Monferrato

2013

 

GARRONE EVASIO E FIGLIO

7

Ruchè di Castagnole Monferrato

2013

Clàsic

FERRARIS LUCA

8

Ruchè di Castagnole Monferrato

2013

Na Vota

CANTINE SANT'AGATA

9

Ruchè di Castagnole Monferrato

2013

 

PONCINI DOMENICO

2° degustazione delle ore 15,00

n° ordine

DENOMINAZIONE

ANNO

Nome Fantasia

AZIENDA

1

Ruchè di Castagnole Monferrato

2014

Caresana

GATTO PIERFRANCESCO

2

Ruchè di Castagnole Monferrato

2014

Fiurin

GOGGIANO

3

Ruchè di Castagnole Monferrato

2014

 

TENUTA MONTEMAGNO

4

Ruchè di Castagnole Monferrato

2014

 

LA MONDIANESE

5

Ruchè di Castagnole Monferrato

2014

Terre dei Roggeri

CANTINA SOCIALE DI CASTAGNOLE

6

Ruchè di Castagnole Monferrato

2014

Oscar Douja d'Or 2014

IL VINO DEI PADRI

7

Ruchè di Castagnole Monferrato

2013

Bricco della Rosa

CASCINA TERRA FELICE

8

Ruchè di Castagnole Monferrato

2013

Terre dei Roggeri

CANTINA SOCIALE DI CASTAGNOLE

9

Ruchè di Castagnole Monferrato

2012

 

LA MONDIANESE

 

Nella foto di Armando Rao: da sin. Silvia Pezzuto, Massimo Corrado, il sommelier, Luca Ferraris e Giancarlo Sattanino

Letto 5362 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Virgilio Pronzati

Virgilio Pronzati


 e-mail

Virgilio Pronzati, giornalista specializzato in enogastronomia e già docente della stessa materia in diversi Istituti Professionali di Stato...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti