Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Vino in garage

Vino in garage

Garagisti etnei. Il Nerello di Carmine

di claudia donegaglia

MappaArticolo georeferenziato

Il giro d'Italia con i garagisti termina in Sicilia , con un altro mio vino del cuore: unNerello Mescalese, coltivato a Randazzo, in provincia di Catania.

Note di Vinificazione

Vendemmia il giorno 8 ottobre 2014 a 19,80 Babo, raccolto senza poter spingere oltre la maturazione causa impegni del proprietario. La prima cosa che mi ha fatto riflettere è l'aggiunta prima della spremitura dell'uva (diraspata?) del solfitante FRANKE che personalmente non conoscevo, costituito dal 60% di MBS ed il resto da attivanti per lieviti, il che mi pare come dare una bistecca ad un vegetariano.
La fermentazione è partita spontaneamente senza lieviti selezionati; dopo quattro giorni è stata fatta una leggera integrazione alla concentrazione zuccherina, poi solo follature giornaliere. Infine la massa è stata svinata il 15 ottobre. Travasato un paio di volte con aggiunte di MBS. Il vino dal simpatico nome “M'arrangio” è prodotto per autoconsumo e verrà imbottigliato passata l'estate.


Le analisi


Alcol distillazione 12,4%
pH 3,37
acidità totale 7,70 g/l
acidità volatile 0,32 mg/l
anidride solforosa 20 mg/l


Note organolettiche


Denso scuro ed impenetrabile. Davvero tanta materia estrattiva che si evidenza con una ciliegia di Vignola, pulita e definita. La bocca è ancora un po' verde (davvero peccato non aver potuto allungare la raccolta) ma è aggressiva e persistente.


Se il vino fosse il mio


Con un ph ed un'acidità così, la matrice colorante sicuramente durerà a lungo.
Hai la possibilità di fare qualche prova con i legni? Cosi' si potrebbe ammorbidire l'acidità senza per forza dover chiarificare. La malolattica non sembra svolta ed è possibile che cominci ora con l'innalzamento delle temperature. Se partirà al suo termine sarà necessario un travaso con reintegro della solforosa. Naturalmente la possibilità di conservazione durante l'estate richiede un ambiente adeguato per temperatura e umidità.

Letto 10545 voltePermalink[7] commenti

7 Commenti

Inserito da claudia donegaglia

il 07 aprile 2015 alle 14:48
#1

Inserito da Carmine Ruffino

il 07 aprile 2015 alle 15:40
#2
Ciao Claudia
molto felice di aver ricevuto un tuo parere.
Come più volte accennato un vostro input per noi piccoli garagisti è a dir poco... oro!
Ho capito che non hai molto "gradito" l'aggiunta di attivanti, mi spiegheresti le tue perplessità?
Per quanto riguarda il legno, attualmente ho a disposizione solo delle botti in castagno, per altro di grandi dimensioni, ma che hanno almeno 40 anni di vita e quindi risultano, per me, abbastanza "incontrollabili".
Riguardo alla conservazione nei periodi estivi, per fortuna la cantina mantiene naturalmente una temperatura abbastanza bassa.
Eventualmente quando consigli di fare la chiarifica?
Grazie Carmine

Inserito da claudia donegaglia

il 07 aprile 2015 alle 21:41
#3
L'aggiunta di attivanti e di qualsiasi altro additivo e coadiuvante io la finalizzo solo quando realmente serve.
Della serie come prendere l'aspirina anche se non hai la febbre.
Ok per il legno, allora va bene come arredo da giardino
La chiarifica eventuale la programmerei a ridosso dell'imbottigliamento
prego
claudia

Inserito da Carmine Ruffino

il 08 aprile 2015 alle 10:03
#4
Sto meditando di comprare una piccola botte...

Quali sono quindi i tempi di affinamento in legno che reputi "minimi"?

Nel caso mi decidessi ad acquistare, potrei lasciare il vino in legno (con tappo colmatore) fino all'imbottigliamento?

Inserito da claudia donegaglia

il 09 aprile 2015 alle 10:31
#5
Se il vino fosse il mio acquisterà del legno esausto e mi dimenticheremo il vino almeno per un anno

Inserito da Carmine Ruffino

il 13 aprile 2015 alle 18:36
#6
Conviene travasare in legno dopo la malolattica?

Inserito da claudia donegaglia

il 13 aprile 2015 alle 19:47
#7
Assolutamente si , ma dipende che legno hai trovato

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

claudia donegaglia

claudia donegaglia


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti