Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Doc e Docg

Doc e Docg

Doc e Docg: Valcalepio Doc

di Sergio Ronchi

MappaArticolo georeferenziato

Siamo in provincia di Bergamo, nella zona a sud del lago di Iseo dove troviamo il Valcalepio DOC, prodotto in circa 50 comuni tra cui segnaliamo Bergamo, Seriate, Grumello del Monte, Trescore Balneario e Sarnico. Le uve vengono coltivate in tutta la zona collinare tra Sarnico e Pontida, sulla sponda occidentale del lago di Iseo. I primi riferimenti storici risalgono al XII secolo ma a causa della fillossera, i vecchi vigneti sono quasi del tutto scomparsi e rimangono solo uve Groppello e Marzemino mentre negli ultimi anni sono stati piantati con successo Cabernet Sauvignon e Merlot oltre che Pinot bianco.

Tre le tipologie previste dal disciplinare :

Valcalepio Rosso, da uve Cabernet Sauvignon (25-60%) e Merlot (40-75%) con titolo alcolometrico minimo del 11,5% e invecchiamento obbligatorio di almeno un anno. Per la dicitura "riserva" è necessario che abbia un titolo alcolometrico del 12,5% e un invecchiamento di almeno 3 anni di cui uno in botti di rovere. Si presenta di colore rosso rubino, profumo intenso e caratteristico con netto sentore di marasca. Si può abbinare con piatti di carni rosse e bianche, arrosti e cacciagione. Ottimo anche con formaggi tipici quali il taleggio ed il formai de mut.

Valcalepio Bianco, da uve Pinot bianco e Chardonnay (55-80%) e Pinot grigio (20-45%), titolo alcolometrico minimo 11,5%. Si presenta di colore giallo paglierino più o meno carico con profumo intenso, sapore secco e pieno. E' ottimo come aperitivo o con piatti di pesce o leggeri.

Valcalepio Moscato Passito, da uve Moscato di Scanzo o Moscato, con titolo alcolometrico minimo 17% e immissione al consumo a partire dal 12 maggio del secondo anno successivo a quello della vendemmia. Si presenta di colore rosso rubino con riflessi aranciati, l'aroma risulta intenso ed il profumo è unico e con sentori speziati. Si gusta generalmente a fine pasto, è un vino da meditazione e si può abbinare al tipico "strachitunt" magari con miele di castagno di montagna. E' uno dei pochi vini passiti rossi, prodotto in esigua quantità e difficile da reperire.

Letto 4612 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Sergio Ronchi

Sergio Ronchi


 e-mail

Appassionato di vino da molto tempo, ho organizzato vari eventi di presentazione prodotti utilizzando varie location a Milano, Padova, Bergamo e Roma....

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti