Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Eventi > Marketing

II edizione di H-Ack Wine

DoveRoncade (TV) - Sede di H-FARM Ventures a Roncade

Quandodal 14 febbraio 2015 al 15 febbraio 2015

di Redazione di TigullioVino.it

MappaArticolo georeferenziato

Anche quest’anno Vinitaly International, la piattaforma creata da Veronafiere per promuovere le eccellenze vitivinicole italiane nel mondo, sarà partner di H-ACK WINE, il primo hackathon dedicato esclusivamente al mondo del vino. 

«Da sempre siamo impegnati nella ricerca di nuovi modi di comunicare il vino italiano integrando format tradizionali con nuovi strumenti dal forte taglio social ed educativo. Vinitaly e Vinitaly International rappresentano per noi i trampolini di lancio per ambiziose iniziative volte a rendere, attraverso i canali digitali, il dialogo B2C e B2B costante e proficuo. Ne è un chiaro esempio Vinitaly Wine Club, il
portale che abbiamo lanciato nel 2013 dedicato alla scoperta della cultura enologica italiana» – dichiara Giovanni Mantovani, Direttore Generale di Veronafiere.

«Entusiasti delle proposte che i giovani hanno presentato lo scorso anno, abbiamo riconfermato il nostro appoggio a questa maratona che ha l’obiettivo di rinnovare e rilanciare il settore vinicolo puntando sul web e sull’innovazione» – afferma Stevie Kim, Managing Director di Vinitaly International.

La seconda edizione di H-ACK WINE si terrà questo weekend, 14-15
febbraio,a Roncade (TV) presso la sede di H-FARM Ventures e radunerà oltre 300 giovani sviluppatori, specialisti della comunicazione e designer, provenienti da tutta Italia, che si dedicheranno 24 ore non stop alla progettazione di nuove soluzioni digitali e svilupperanno nuove idee per rispondere alle esigenze delle aziende sfidanti di quest’anno: Gruppo Vinicolo Santa Margherita, Zonin1821, Tenuta Col Sandago­Case Bianche e Tommasi Family Estates.

I team che presenteranno le idee più innovative verranno premiati e potrebbero essere selezionati per partecipare a H-Camp, programma di accelerazione intensivo di H-Farm, dove potranno portare avanti il loro progetto a dare vita a una propria attività o piccola impresa innovativa. La squadra vincitrice dell’anno scorso, Wineein, ad esempio, ha portato a termine il progetto e sta per lanciare la app Drinkup su Apple Store. 

«Partecipare a H-ACK WINE non sarà solo una sfida per i giovani hacker, ma anche per noi" - spiega Dario Tommasi, proprietario della cantina Tommasi. "La nostra è un'azienda familiare e la tradizione è il nostro punto di riferimento, ma abbiamo sempre guardato anche al futuro e alle nuove generazioni. Siamo molto curiosi di incontrare questi giovani professionisti che saranno in grado di mostrarci un nuovo e più creativo approccio al mondo del vino e sapranno renderlo più semplice e divertente. Per noi il vino è convivialità, famiglia e passione, e ci aspettiamo che questi giovani hacker siano capaci di esprimere questi temi nel miglior modo possibile, attraverso progetti innovativi e stimolanti».

Anche Ettore Nicoletto, Amministratore Delegato del Gruppo Vinicolo Santa Margherita condivide l’idea che una generazione diversa da quella che oggi guida le aziende vinicole possa offrire un approccio nuovo, differente e fresco alla comunicazione del settore: «credo che questi ragazzi possano aiutarci a capire meglio ciò che i consumatori e gli amanti del vino cercano nei nuovi canali multimediali e come presentare e promuovere al meglio il nostro vino su questi mezzi. A H-ACK WINE ci aspettiamo di essere stupiti con molte idee creative e fuori dagli schemi».

«Il mondo del vino italiano deve confrontarsi, come molti altri settori, con l'evoluzione dei sistemi di comunicazione– continua Nicoletto. Inoltre, ci troviamo a dover affrontare anche un ricambio generazionale: oggi il consumatore si avvicina al prodotto attraverso i nuovi canali multimediali. In questo scenario, i mezzi di comunicazione tradizionali rischiano di diventare marginali e incapaci di informare
adeguatamente il consumatore».

« Innovazione significa tenere il passo con il cambiamento, ed essere in grado di evolvere. Questo è ciò che ci contraddistingue. Con H-ACK WINE vogliamo continuare a innovare e a fare in modo che i nostri clienti continuino a sognare con i nostri prodotti» – precisa Fabrizio Zanetti, Amministratore Delegato del gruppo a cui fanno capo caffè Hausbrandt, il birrificio Theresianer e la cantina Tenuta Col Sandago, una delle più antiche cantine della zona DOC di Conegliano Valdobbiadene e la prima a credere in eccellenze agricole come il
"Passito di Prosecco" o il "Wildbacher".

Francesco Zonin, Vicepresidente di Zonin1821, conferma il suo entusiasmo nei confronti dell’hackaton e dichiara: «Ho accettato di slancio la proposta di H-ACK WINE: la considero non solo un’imperdibile occasione per i giovani di mettersi in gioco innovando il sistema di promozione del vino italiano, ma anche un’ottima opportunità per noi aziende sia di valutare nuove idee da realizzare che di scoprire talenti da far auspicabilmente crescere in azienda».

«Sono davvero orgoglioso che Vinitaly International abbia deciso di sostenerci anche in questa seconda edizione. Sapere di poter contare sulla loro esperienza mi fa sperare che questo nuovo hackathon possa rappresentare una grande opportunità per il comparto» - dice Riccardo Donadon, fondatore di H-FARM. «Sono convinto che H-ACK WINE sia in grado di dimostrare che anche un settore tradizionale come quello vitivinicolo possa beneficiare dell'enorme potenziale offerto dalla rete».

Questa seconda edizione H-ACK WINE, vuole porre l'attenzione, ancora una volta, sull'importanza della comunicazione in vista soprattutto della forte esigenza delle aziende italiane di esportare nei mercati emergenti, quali la Cina, in cui si riscontrano spesso problemi di comunicazione legati, da un lato alle differenze linguistiche e culturali e dall’altro alla scarsa conoscenza delle qualità e delle
proprietà del vino italiano. Problematiche che potrebbero essere superate grazie ad un miglior utilizzo dei nuovi canali di comunicazione quali ad esempio Weibo e WeChat, piattaforme particolarmente frequentate in Cina.

Per informazioni:


Tel: +39 045 8101447
Tel.: + 39.045.829.82.42 – 82.85
E-mail: media@vinitalytour.com
E-mail: pressoffice@veronafiere.it
Web: www.vinitalyinternational.com
Web: www.veronafiere.it
Twitter: @VinitalyTour
Twitter: @pressVRfiere

Letto 3766 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Redazione di TigullioVino.it

Redazione di TigullioVino.it

 Sito web
 e-mail

Nell'arco di molti anni di lavoro, da piccolo progetto amatoriale TigullioVino.it si è trasformato in una vera e propria testa web sul mondo...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area marketing

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti