Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Doc e Docg

Doc e Docg

Doc e Docg: Valtellina Superiore Docg

di Sergio Ronchi

MappaArticolo georeferenziato

Gazzetta Ufficiale n. 159 del 10 luglio 1998
Tipologia: Valtellina Superiore anche con l'indicazione delle sottozone Sassella, Grumello, Inferno, Vagella, Maroggia e con la qualificazione "riserva"
Vitigni: Nebbiolo almeno 90%, localmente denominato Chiavennasca più altri vitigni a bacca rossa non aromatici raccomandati per la provincia di Sondrio.
Zona di produzione: Dal comune di Ardenno al comune di Tirano, tutti nella provincia di Sondrio, nelle sottozone geografiche storiche di Sassella, Grumello, Inferno, Vagella e Maroggia.
Condizioni ambientali: Esclusivamente i vigneti ubicati in terreni declivi e di natura brecciosa, ben esposti.
Densità per ettaro: Non inferiore a 4.00 ceppi.
Resa massima: 8 t. per ettaro
Titolo alcolometrico volumico totale: 12% minimo
Resa massima dell'uva: Inferiore al 70%
Invecchiamento: Possono essere immessi al consumo dopo un periodo minimo di invecchiamento e di affinamento di 24 mesi, dei quali almeno 12 in botti di legno. Il predetto periodo di invecchiamento obbligatorio decorre dal 1 dicembre successivo alla vendemmia.
Il vino a denominazione di origine controllata e garantita "Valtellina Superiore" sottoposto ad un periodo di invecchiamento di almeno 3 anni può portare la dicitura "riserva".

Siamo in provincia di Sondrio, dove sulla sonda destra dell'Adda si coltiva il vitigno nebbiolo localmente chiamato Chiavennasca. Il terreno e il clima particolarmente adatto alla coltivazione della vite fanno della zona un'area con radici storiche lontane per la produzione del vino, infatti già i romani ne producevano parecchio e di buona qualità, da quello che ne sappiamo.

All'interno della zona ci sono poi 5 sotto zone che identificano un territorio diverso e da ovest ad est seguendo la valle incontriamo Maroggia, Sassella, Grumello, Inferno e Valgella.
Questi vini si abbinano alla cucina locale quindi pizzoccheri e bresaola, ma anche tutti i tipi di carni arrosto o grigliate e formaggi di media stagionatura.

Letto 4820 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Sergio Ronchi

Sergio Ronchi

 Sito web
 e-mail

Appassionato di vino da molto tempo, ho organizzato vari eventi di presentazione prodotti utilizzando varie location a Milano, Padova, Bergamo,...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti