Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
La vite mangia: i suoli, la concimazione, quanto dare, di Riccardo Modesti

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Enodisinvolti

Enodisinvolti

La vite mangia: i suoli, la concimazione, quanto dare

di Riccardo Modesti

La vite mangia durante il suo ciclo annuale, e come potrebbe essere altrimenti, mangiamo pure noi durante la nostra vita! E’ quindi indispensabile, anche nel rispetto dell’ambiente per non fare l’ennesima figura di essere l’homo sapiens sapiens in grado solo di consumare le risorse del pianeta, dare un aiutino alla pianta affinché questa possa crescere, prosperare, e darci dell’uva di qualità per i nostri vini di qualità. Ma quanto mangia una pianta durante il suo ciclo vegetativo annuale, ricordando che durante l’inverno la pianta non mangia nulla in quanto va in riposo vegetativo?

Le quantità, ovviamente, variano secondo diversi fattori, uno dei quali è, naturalmente, il carico di uva che la pianta deve sopportare. E’ interessante peraltro notare come, al crescere delle rese per ettaro, non si correli una crescita proporzionale delle esigenze nutrizionali della pianta.

Prendiamo un vigneto nel quale la resa sia di 100 quintali per ettaro, ovviamente questi dati riguardano un caso particolare ma si dovrebbe sbagliare di poco. Le quantità che seguono si riferiscono a consumi per ettaro vitato. 

Si scopre allora che il consumo di azoto è pari a 75 kg, quello di fosforo di 40 kg, quello di potassio di 110 kg, quello di calcio di 350 kg, quello di magnesio di 30 kg, e questo solo per quanto riguarda i macroelementi, quelli cioè da considerarsi più significativi.

E per quanto riguarda i microelementi? Qui la faccenda si fa più complicata, perché in questo caso il pH del suolo recita un ruolo piuttosto influente sulla vicenda. Un bel suolo a pH basico, come peraltro abbiamo appena visto, rende meno disponibile un microelemento importantissimo come il ferro, e qui la correzione del suolo è comunque poco utile.

Ok, abbiamo chiuso il cerchio per quanto riguarda il rapporto tra vite e suolo, ora passiamo alla vite per davvero. Quando? Ovviamente nella prossima puntata…

Letto 6291 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Riccardo Modesti

Riccardo Modesti

 Sito web
 e-mail

Sono nato nel 1967 a Milano e fino a qualche anno fa ho fatto il tecnico informatico: dopo una quindicina d'anni davanti a un monitor ho cominciato...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti