Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Doc e Docg

Doc e Docg

Doc e Docg: Asti Spumante o Moscato d'Asti Docg

di Sergio Ronchi

MappaArticolo georeferenziato

Gazzetta Ufficiale n. 287 del 7 dicembre 1993.
Tipologia: La dicitura Asti o Asti Spumante è riservata al vino spumante; la dicitura Moscato d'Asti è riservata al vino non spumante.
Vitigni: moscato bianco 100%
Zona di produzione: Comuni di Bubbio, Calamandrana, Calosso, Canelli, Cassinasco, Castagnole Lanze, Castel Boglione, Castelletto Molina, Castelnuovo Belbo, Castel Rocchero, Cessole, Coazzolo, Costigliole d'Asti, Fontanile, Incisa Scapaccino, Loazzolo, Maranzana, Mombaruzzo, Monastero Bormida, Montabone, Nizza Monferrato, Quaranti nella provincia di Asti; comuni di Camo, Castiglione Tinella, Cossano Belbo, Mango, Neive, Neviglie, Rocchetta Belbo, Serralunga d'Alba, Santo Stefano Belbo, Santa Vittoria d'Alba, Treiso, Trezzo Tinella, Castino, Perletto e le frazioni di Corno e San Rocco Seno d'Elvio del comune di Alba in provincia di Cuneo; nei comuni di Acqui Terme, Alice Bel Colle, Bistagno, Cassine, Grognardo, Ricaldone, Strevi, Terzo e Visone in provincia di Alessandria.

Condizioni ambientali: Sono considerati idonei solo i vigneti ubicati su dossi collinari soleggiati, preferibilmente calcarei, o calcareo-argillosi, con l'esclusione dei vigneti impiantati su terreni di fondo valle o pianeggiarti, leggeri o umidi
Densità per ettaro: Non inferiore a 4.000 ceppi.
Resa massima: 10 t. per ettaro
Titolo alcolometrico volumico totale: 12% minimo per l'Asti Spumante (svolto tra il 7% e il 9,5%) e 11% minimo per il Moscato d'Asti (svolto tra il 4,5% e il 6,5%).
Resa massima dell'uva: Inferiore al 75%

La zona di produzione è molto vasta e comprende 52 comuni delle province di Alessandria, Asti e Cuneo, nelle Langhe e nell'Alto Monferrato. Le tipologie prodotte sono l'Asti (vino spumante) e il Moscato d'Asti (vino non spumante) entrambi prodotti solo da uve Moscato Bianco. Essendo le uve un vitigno aromatico, anche il vino ne riprende i profumi e gli aromi specifici e molto piacevoli al naso e al palato. Nel Moscato d'Asti troviamo i profumi floreali che ricordano il glicine e il tiglio mentre tra i profumi fruttati riconosciamo la pesca, l'albicocca e a volte anche la salvia. Inoltre la sua bassa alcolicità ne fa un prodotto da consumare in molte occasioni.

Nell'Asti Spumante invece, possiamo trovare profumi di fiori d'acacia, glicine e arancio, bergamotto e miele. In bocca è fragrante e sempre piacevole, la spuma di notevole quantità regala al vino un effetto visivo di maggiore vivacità e freschezza. Gli abbinamenti ideali sono con i dolci o a fine pasto con i dessert, può accompagnare anche la frutta fresca, meglio se tropicale. Si utilizza molto anche per la preparazione di long drink e cocktail in genere.

Letto 4742 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Sergio Ronchi

Sergio Ronchi

 Sito web
 e-mail

Appassionato di vino da molto tempo, ho organizzato vari eventi di presentazione prodotti utilizzando varie location a Milano, Padova, Bergamo,...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti