Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
Cocciniglia nera della vite (Targionia vitis), di Anna Zorloni

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Malattie della Vite

Malattie della Vite

Cocciniglia nera della vite (Targionia vitis)

di Anna Zorloni

La cocciniglia nera della vite (Targionia vitis), appartenente alla famiglia dei diaspididi, è estremamente polifaga, vive infatti su numerose specie vegetali sia arboree che arbustive. Spesso la si ritrova su vite, in particolare sul tronco e sui tralci. La si nota con difficoltà in quanto ha lo stesso colore scuro del legno, quindi si mimetizza facilmente. Inoltre spesso si nasconde al di sotto della corteccia. La femmina è dotata di uno scudetto circolare (di circa 2 mm di diametro) di colore marrone scuro, similmente alla corteccia del legno su cui si trova. Il follicolo maschile è più piccolo di quello femminile, circa la metà. Compie una sola generazione all'anno e sverna sotto forma di femmina adulta fecondata sui tralci e sul tronco. Alla ripresa vegetativa, le forme giovanili (neanidi) si dispongono lungo le nervature sulla pagina inferiore delle foglie, dopodichè si spostano sui tralci e al di sotto della corteccia del fusto.
Nei casi più gravi la cocciniglia ricopre la quasi totalità dei tralci, andando ad arrecare danni notevoli dovuti alla sottrazione di linfa di cui si nutre, con conseguente indebolimento generale della pianta, soprattutto nel caso in cui l'infestazione venga trascurata per anni.
Utili per l'eliminazione della cocciniglia risultano essere lo scortecciamento e la spazzolatura dei tralci infestati (da effettuare in inverno) con un successivo trattamento chimico. Più efficace è però il trattamento effettuato in primavera contro le forme giovanili. La lotta chimica viene solitamente fatta tramite olio bianco attivato con fosforganici.

Letto 9806 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Anna Zorloni

Anna Zorloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti