Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
Escoriosi (Phomopsis viticola), di Anna Zorloni

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Malattie della Vite

Malattie della Vite

Escoriosi (Phomopsis viticola)

di Anna Zorloni

Si tratta di una malattia fungina provocata dal deuteromicete Phomopsis viticola, appartenente all'ordine Sphaeropsidales, e alla famiglia Sphaeropsidaceae, individuato per la prima volta in Germania negli anni '60.
Questo fungo sverna sotto forma di micelio nelle gemme, oppure sotto forma di picnidi (=organi di perpetuazione del fungo) sui tralci e sulle foglie cadute a terra. In primavera, con umidità relativa elevata (99%), e un optimum di temperatura attorno ai 23°C, i picnidi germinano e producono le spore, che tramite la pioggia vanno ad infettare i nuovi germogli (maggiormente sensibili quando sono lunghi 3-10 cm).

I primi sintomi della malattia compaiono dopo circa 3-4 settimane dall'infezione, ad inizio estate. Sui germogli compaiono delle macchie necrotiche allungate, che poi tendono ad allargarsi formando delle spaccature longitudinali. Gli internodi rimangono corti. Durante l'inverno i tralci appaiono decolorati, grigio-biancastri, con puntini neri (picnidi) sulla superficie. Le gemme basali non germogliano, compromettendo la produzione dell'anno e quelle successive.

Le foglie dei nodi basali possono presentare delle piccole macchie clorotiche circolari, che poi necrotizzano, e delle bollosità. Le infiorescenze spesso abortiscono. Gli acini, raramente colpiti, presentano annerimenti e mummificazioni, e si ricoprono di picnidi. Sulle foglie compaiono delle macchioline circolari gialle ai bordi e scure al centro. La pianta subisce un progressivo deperimento e nel giro di pochi anni muore.

Importante è assumere misure preventive nei confronti della malattia:
- potare le piante infette separatamente da quelle sane ed eliminare (bruciare) i  residui di potatura. Tramite la potatura, infatti, è facile trasmettere e diffondere il fungo patogeno,
- disinfettare le ferite e i tagli di potatura per impedire l'ingresso del fungo.
La difesa chimica viene effettuata solo in gravi casi di infezione.

Letto 12307 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Anna Zorloni

Anna Zorloni


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti