Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 208

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 214
Olio di oliva, grande bluff, di Fiorenzo Garzia

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Olio

Olio di oliva, grande bluff

di Fiorenzo Garzia

Com'è bello far la spesa nei supermercati,ci si ubriaca di luci, colori,offerte promozionali,il regno della convenienza:ma acquistiamo un prodotto o una semplice etichetta? Guardiamo mai oltre quella striscia di carta?
Possiamo leggere gli ingredienti,ma sarà poi vero o almeno comprensibile quello che c'è scritto? Quello che sembra un paese dei balocchi è una foresta di streghe e lupi,intrigata e buia.

Parleremo dell'oro giallo,un prodotto fondamentale,esempio di una diffusa propensione dei produttori alimentari a immettere sul mercato prodotti a prezzi competitivi in deroga ai canoni di qualità.

Vivo in Puglia,il regno dell'olio,nel Salento vi sono ulivi piantati dai Greci duemila anni fa ancora in piena produttività. Non si campa con le vulie- dice Michele olivicoltore, il contributo della Comunità Europea ammonta a circa 1.25 € al litro sia che si produca olio lampante o olio extravergine.

Viene da chiedersi Michele produrrà olio di qualità o meno?
L'olio lampante è prodotto con olive raccolte per terra dopo la loro caduta,senza scuotitori,frante magari dopo più giorni ottenendo cosi' un olio molto acido,usato in passato nelle lucerne;tecnica che abbatte notevolmente i costi a scapito della qualità.

Per l'olio extravergine il discorso è più complesso,le olive sono raccolte a mano o tramite scuotitori,lasciate cadere su reti e frante dopo poche ore dalla raccolta,costi elevati che si coniugano in un olio di qualità con acidità quasi nulla. Michele produrrà olio lampante,è ovvio,raccogliere olive per un olio extravergine gli costerà almeno 5 € per ogni litro prodotto e siamo in pianura, pensate un po' sui terrazzamenti liguri o del lago di Garda dove i costi raddoppiano.

Tomasi,un altro olivicoltore dice - Io non raccolgo le vulie da cinque anni i miei figli non se ne fregano niente ccattamu l'olio extravergine alla Standa a 3€ al litro- . Un momento,c'è qualcosa che non va,se solo per la raccolta l'olio extravergine costa 5€ al litro come lo si può comprare al supermercato a soli 3€ ? Quindi o non è olio extra o è prodotto in paesi dove il costo della manodopera è ridotto.

Acquisteremo cosi' un prodotto che almeno sia italiano,che sia in ogni caso conveniente,ci indirizziamo verso grandi aziende nazionali quali Carli (ligure,vende olio per corrispondenza), Bertolli(toscana,con l'olio più venduto al mondo), Carapelli(toscana,con oli di nicchia), Sasso(ligure)….Fregati.

Carli non utilizza solo olio ligure, Bertolli è della multinazionale Unilever e acquista solo il 20-30% di olio nazionale, Carapelli dichiara un 30%, Sasso (Nestlè) utilizza il 40% di olio italiano,ma nemmeno una goccia di quello ligure!
Questo per citare solo alcune grandi aziende.
Da dove proviene la restante e più considerevole percentuale di olio che arriva sulle nostre tavole?

Tunisia,Turchia,Spagna,Israele; a me potrebbe anche star bene,è olio extra,prezzo conveniente, anche se in etichetta non si parla della provenienza ed io ho sempre creduto di acquistare olio italiano(unica eccezione è l'olio COOP che dichiara in etichetta la provenienza dei diversi olii) I produttori si difendono dicendo che la legislazione italiana non prevede tali specificazioni ,il Ministro dell'Agricoltura in carica dichiara che la modifica di tale legge sarebbe uno shock per l'industria olistica italiana,non ancora pronta.

Va bene sarò costretto a comprare quell'olio,sarà d'importazione,ma ci sarà un organismo preposto al controllo che farà arrivare sugli scaffali olii extravergini veramente tali,almeno sicuri,che non ci intossichino l'esistenza. Ma si,c'è l'ufficio repressione frodi,il Nucleo Antisofisticazioni dei Carabinieri,ma i sistemi di analisi sono vecchi e le tecniche di sofisticazione e frode sempre più evolute.

L'olio partiva dalla Turchia e da Israele come olio di nocciole dopo una sosta in qualche porto compiacente sbarcava a Monopoli o a Barletta magicamente trasformato in olio extravergine d'oliva! Le indagini sono complesse e il più delle volte ci si ritrova con un pugno di mosche poiché,potendo usare come prova i soli documenti di viaggio non europei, ci si trova davanti la legge sulle rogatorie internazionali,che strizza l'occhio a tutti quei reati compiuti fuori del nostro territorio.
Anche il gigante buono della Comunità Europea ci mette lo zampino:vieta i trattamenti chimici dell'olio. E quelli fisici? Il talco è largamente usato in Spagna per rettificare gli olii!

Per fortuna ci sono i prodotti D.O.P.,certamente costano tanto,ma ci garantiscono quella sicurezza alimentare oggi dimenticata dal mondo globale,facendo perdere la gioia del rapporto rispettoso con la terra che è l'unica cosa che fa valere il lavoro dei contadini,riconsegnando al consumatore il gusto della buona tavola ed un prodotto sano e prezioso come una volta.

Si auspica che l'indirizzo della Comunità Europea sia più deciso nei confronti dell'olio extravergine,privilegiando il prodotto vero,siamo stanchi dell'Italia metallurgica,lasciateci morire contadini. Ridateci il gusto di produrre olio d'oliva,attraverso una maggiore coscienza del consumatore,la vecchia regola del "poco,ma buono", tramite scelte comunitarie più volte verso il prodotto di qualità ed etichette più chiare e precise o almeno sincere.

Letto 6987 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Fiorenzo Garzia


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area olio

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti