Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Vini di Francia

Vini di Francia

La Champagne, quinta parte: un po' di storia

di Pierfranco Schiaffino

MappaArticolo georeferenziato

Forse non tutti sanno che nel secolo scorso tutti vini generalmente erano consumati dolci .Ciò avveniva in parte perché la tecnologia del tempo non permetteva un compiuto controllo della fermentazione alcolica (con la conseguenza di un elevato residuo zuccherino nel vino), in parte perché il gusto dei consumatori tendeva ad una maggiore morbidezza, rispetto all'aggressività del gusto secco. A tale indirizzo non faceva certo eccezione lo Champagne, che infatti veniva bevuto dolce (o, almeno, demi-sec).

I nonni (o anche i bisnonni) dei 'viveurs' parigini della fine ottocento, nelle notti trascorse al Moulin Rouge, certamente applaudivano il nuovo ballo dell'epoca, il Can Can, brindando con Champagne dolce. Per tutto l'ottocento lo Champagne rimase un vino dolce, destinato ad accompagnare i dolci o il dessert, o ad essere consumato in occasione di festeggiamenti e di ricorrenze. A partire almeno dal 1830, era in voga il metodo di aggiungere altro zucchero alle bottiglie dopo l'espulsione dei sedimenti della seconda fermentazione.

Solo a fine secolo lo Champagne si trasforma in vino essenzialmente secco. Furono i commercianti di vino inglesi ad iniziare a chiedere alle case produttrici di  Champagne un vino più secco, da potere essere bevuto a tutto pasto ed in diverse occasioni. La prima casa vinicola a spedire in Inghilterra una partita di Champagne completamente secco fu la Perier-Jouet, che, nel 1848 inviò a Londra un piccolo quantitativo di tale vino, che, peraltro, non ebbe immediato successo, tanto che i produttori proseguirono a fornire Champagne dolce. L'intervento definitivo è dovuto a M.me Louise Melin ved. Pomery, la quale, nel 1974 impose alla Francia ed ai principali paesi importatori di Champagne (principalmente l'Inghilterra e gli Stati Uniti) uno Champagne denominato 'gout americain', che aprì la strada prima al dry e poi al brut.

Il successo fu improvviso e definitivo.
Da allora il gusto dello Champagne si diresse verso il secco e tutti i produttori si  adeguarono via via a tale novità: oggi infatti lo Champagne dolce è rarissimo,  mentre quello 'pas dosè' è sempre più ricercato ed apprezzato, specie dagli intenditori.


DEGNI DI NOTA

Champagne du Redempteur
Cuvée du Redempteur
1/3 Pinot Noir - 1/3 Pinot Meunier - 1/3 Chardonnay

Degustazione - Un demi-sec personalizzato, con aromi di vino invecchiato. Da bere con dessert o con piatti secco-salati.
Prezzo in enoteca 13,26 €

Champagne Cattier Brut 1.er Cru
75 % Pinot Noir - 25 % Chardonnay

Degustazione - Un brut profumato con note di frutta e di biscotto assai vive.  Champagne semplice, ma ben fatto. Ottimo come aperitivo.
Prezzo in enoteca 13,57 €


Note

(1) Anche il Cavour nel suo castello di Grinzane predisponeva i suoi intrecci politici e le sue trame spionistiche sorseggiando un bicchiere di Barolo ……dolce.

(2) N.B. Tutte le indicazioni (prezzi compresi) si riferiscono al mercato interno francese.

Letto 8682 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Pierfranco Schiaffino


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti