Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Vino > Vini di Francia

Vini di Francia

La Champagne, seconda parte: il territorio

di Pierfranco Schiaffino

MappaArticolo georeferenziato

La Champagne si estende su circa 31.000 ettari ed i suoi vigneti sono, conseguentemente, di diversa natura. Proprio da tale diversità, peraltro, deriva la qualità e l'estrema longevità dello Champagne.

I vigneti della Champagne sono i più settentrionali della Francia, ove il clima è particolarmente difficile per la coltivazione della vite. La diversità dei territori e dei vini prodotti permette di combinare, in un mosaico di aromi e di sapori, le "cuvée" più celebri e qualitativamente elevate. Il clima è continentale e relativamente rigido, a volte turbato dalle influenze oceaniche e spesso piovoso. Da ciò consegue che l'insolazione è minore rispetto alle altre regioni vinicole della Francia.

La temperatura media annuale non oltrepassa i 10,5 ° ed è, quindi, di poco superiore a quella minima di 9 ° richiesta per la corretta maturazione delle uve. Paradossalmente, però, proprio queste condizioni climatiche estreme permettono di ottenere le uve ideali per i vini spumanti. La bassa temperatura, infatti, favorisce una maturazione lenta delle bacche, da cui deriva la freschezza e la vivacità contenuta dapprima negli acini, e successivamente dalle bottiglie dello Champagne. Per ottenere tali risultati il terreno gioca un ruolo importantissimo.

I terreni della Champagne sono situati mediamente ad un'altitudine di 100 - 200 metri sul livello del mare. Questa situazione permette di diminuire gli effetti devastanti delle gelate primaverili, proprio per la migliore insolazione delle piante, fornita dalla posizione collinare rispetto alla pianura. Inoltre, la minore fertilità del terreno collinare costituisce un fattore supplementare per la produzione di uve di qualità. Altro elemento caratteristico del terreno della Champagne è la composizione gessosa, fenomeno derivato dal ritirarsi delle acque marine, avvenuto circa 70 milioni di anni addietro.

Questo sottostrato calcareo procura la presenza di acidità nel vino, cosa essenziale per una buona presa di spuma. Ma il gesso non è solo calcare; è soprattutto un eccezionale regolatore delle risorse idriche di cui abbisogna la vite per crescere (1). Le caratteristiche del suolo sono sempre necessarie per bilanciare le influenze aleatorie di un clima al tempo stesso oceanico piovoso e continentale rigido.

Sarebbe, comunque riduttivo limitare la qualità dei vini della Champagne a questi soli elementi. Da un comune all'altro i vini hanno una tipicità differente in funzione di una moltitudine di caratteristiche che differenziano un terreno dall'altro, come si vedrà meglio …….. alla prossima puntata.


Degni di nota (2)

Champagne Alain Couvreur
Cuvée de Réserve
80 % Pinot Noir - 20 % Chardonnay

Degustazione - Bel colore giallo paglierino intenso con bollicine fini e
persistenti. Gli aromi sono caratteristici di un vino invecchiato: evoluti
con note di frutta secca e confetture.
In bocca ampio sentore di frutta matura con una punto di agrume,
che ne conserva la freschezza. Bel finale lungo ed avvolgente.
Prezzo al produttore 90 Frs.

J.M. Gobillard & Fils
Brut Privilége des Moines
70 Chardonnay % - 30 % Pinot Noir

Questa casa è stata fondata nel 1955 a Hautvillers, celebre centro
della Champagne.
I vigneti si estendono per circa 25 ha su territori della zona classificati
con il 1° Cru.
Degustazione - Cuvée armoniosa, delicata e fresca allo stesso tempo.
Il passaggio in legno apporta un sottile tocco di vaniglia che si fonde bene
con gli aromi di frutta bianca e frutta secca. Fine e complesso.
Prezzo al produttore 112 Frs.


Note

(1) Così si esprime il geografo Risler nel lontano 1889: "La natura del suolo in
questo paese asseconda meravigliosamente gli sforzi dell'uomo.
Viene la siccità che arroventa il suolo e le messi? Che importa!
Il gesso offre un'inesauribile riserva di umidità ,e malgrado il sole più cocente,
la pianta sarà sempre verde. Cadono piogge alluvionali? Che importa?
Il gesso assorbirà tali piogge indefinitamente, per dispensarne più tardi la
benefica azione a misure dei bisogni della pianta".

(2) N.B. Tutte le indicazioni (prezzi compresi) si riferiscono al mercato interno francese.

Letto 10214 voltePermalink[0] commenti

0 Commenti

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Pierfranco Schiaffino


 e-mail

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti