Warning: mysql_fetch_assoc(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 207

Warning: mysql_free_result(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /www/MW_qPnIayRGG/tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php on line 213
The Times They Are a-Changin', di Davide Cocco

Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori > Marketing > Schiscio è bello

Schiscio è bello

The Times They Are a-Changin'

di Davide Cocco

Caro amico lettore, prima di iniziare la lettura di questo post fai partire questa canzone.

È stato presentato la settimana scorsa a Milano il nuovo cucchiaio.it.
Un vero meltin pot cultural gastromico, nato dalla fusione dell’archivio di ricette del Cucchiaio d’Argento e dal blog Appunti digola. Non mi dilungherò sul nuovo progetto in sè, in quanto professionalmente direttamente coinvolto, ma proverò a fare una piccola disamina sulle conseguenze. Due mi paiono i punti salienti, anche se non sono immediatamente evidenti. Perché la nascita di cucchiaio.it sta alzando, e di parecchio, alcune asticelle ferme ormai da anni.

Punto uno: è il primo progetto serio, strutturato e ambizioso con alle spalle una corazzata come l’editrice Domus. Sua la proprietà del ricettario del Cucchiaio, suo Quattroruote, suo Meridiani. La prima casa editrice che ha deciso di mettere tempo, fatica e soldi in un progetto editoriale on line dedicato all’enogastronomia. Non che gli esempi di portali/blog seguiti e ben fatti manchino (pensiamo, ad esempio, a Dissapore, alla Gazzetta Gastronomica, a Luciano Pignataro), ma mai prima d’ora le spalle erano state così larghe. Cosa vuol dire questo? Vuol dire una struttura dedicata, una redazione, un responsabile, una rete di agenti sul territorio a caccia di pubblicità.

Secondo punto: scatta il panico fra gli uffici stampa più tradizionali e tradizionalisti. Cucchiaio.it non è e non sarà una testata registrata. Sarà un sito, un portale, un blog. Ma non una testata registrata in tribunale. E il suo responsabile Stefano Caffarri non è un giornalista. E a dirla tutta nemmeno i collaboratori sono giornalisti iscritti all’albo, tanto meno il sottoscritto. Avranno il coraggio manifestazioni come Vinitaly di rifiutare l’accredito ai collaboratori? Avrà ancora un senso la sciocca e consunta divisione fra giornalisti e blogger? Passeremo finalmente a un criterio meritocratico e non più burocratico di assegnazione di pass e inviti ad eventi?

Vedremo. Nel frattempo, in bocca al lupo amici del #cucchiaio. E in bocca al lupo Caf.

Letto 6677 voltePermalink[3] commenti

3 Commenti

Inserito da Maria Grazia Melegari

il 28 settembre 2012 alle 07:44
#1
Permettimi, Davide di porti la domanda fondamentale: le spalle larghe una struttura dedicata, una redazione, un responsabile, una rete di agenti sul territorio a caccia di pubblicità significa che i collaboratori verranno retribuiti? Immagino di sì.
Non si tratta tanto ( o solo) del problema del pass a Vinitaly. La sciocca e consunta distinzione tra giornalisti e blogger ha ancora spazio, eccome, se questi ultimi scrivono a gtatis. Vedi un po' qui http://www.webnews.it/2012/09/27/huffington-post-ora-il-giornalismo-e-nudo/
Un augurio per il progetto, of course!

Inserito da Stefano Caffarri

il 28 settembre 2012 alle 10:08
#2
Provo a rispondere. Premesso che la risposta la conosci perfettamente, ti dico: dipende. Il cucchiaio è un'azienda privata, e gli eventuali compensi sono soggetti a licitazione privata. Per dire, la giovine autrice de laforchettinadellaziapeppina.it sará felice di inviare i suoi cupcakes a gratis in cambio di visibilitá, David Letterman non scriverà un rigo per meno di un milione di dollari. Ognuno con i suoi vantaggi.
Io la distinzione tra contenuti pagati o non pagati non la vedo. Vedo invece la distinzione tra contenuti buoni e grami, e per questo c'é qualcuno che se fa carico. I lettori decideranno.

Inserito da Maria Grazia Melegari

il 28 settembre 2012 alle 23:49
#3
Premesso che la risposta non la conoscevo proprio, mi ero semplicemente chiesta se i collabotatori del progetto che fa capo a un' azienda come Editoriale Domus - visto che Davide ha sottilineato che trattasi di non giornalisti - ricevono meno un compenso come blogger collaboratori. E mi pare che la licitazione privata (con compensi eventuali, mi dici) preveda quanto meno un contratto. La cosa, d'accordo, poco ha da spartire con la sostanza ( la distinzione tra contenuti buoni e grami), ma è, a mio modo di vedere, piuttosto importante nel definire il ruolo sempre più professionale dei blogger. Tutto qui.
Bonne soirée.

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Davide Cocco

Davide Cocco

 Sito web
 e-mail

Davide Cocco nasce nel 1974 a Valdagno, all’ombra dello stabilificio Marzotto. È figlio, come molti suoi coetanei, della crisi...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area marketing

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti