Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Esperti > Vino

Nosiola a Riva del Garda

di Renato Rovetta

MappaArticolo georeferenziato

Non parleremo soltanto della piacevolezza di bere un vino e conoscere un Vitigno autoctono come la Nosiola, ma cercheremo di scoprire perché è così diverso, con la sua personalità, con i profumi importanti il più antico vitigno bianco trentino, un vino che vorremmo fosse conosciuto di gran lunga oltre i confini regionali, perché gli appassionati lo richiedono, i ristoratori lo cercano, anche nelle sue diverse declinazioni, dal bianco giovane fino al Vino Santo di annate lontane, prodotto nella Valle dei Laghi, tra quello di Calavino, Càvedine e quello di Toblino.

La Nosiola, vino di profonda freschezza e dotato di una piacevole acidità, frutto delicato dell'uva che lo preserva, e che troviamo soltanto in piccole zone diventate ormai “Cru”. Nell'occasione di Riva del Garda, alla Rocca, i Vignaioli trentini si sono ritrovati per il secondo anno consecutivo, per confrontarsi e presentare ad un pubblico di professionisti il Vino ed il Vitigno Regina della giornata, oltre poi a tutti i vini di produzione trentina tra cui il Teroldego e il Marzemino tra gli autoctoni, per spaziare dal Müller Turghau al Sauvignon al Pinot Nero e poi gli internazionali come lo Chardonnay e addirittura il Syrah, poi la produzione di bollicine, Trento Doc, il Brut per eccellenza, ma non dispiace nemmeno il metodo Martinotti di Rudy Zeni, non dimentichiamoci che proprio a San Michele all’Adige si trova la scuola di enologia tra le più importanti d’Europa, fondata da Edmondo Mac, da dove escono preparati, la maggior parte degli Enologi del prossimo futuro.

Nel tardo pomeriggio, la degustazione è stata aperta anche agli appassionati, numerosi Wine Lovers arrivati da diverse regioni italiane e d’oltre confine. Ma torniamo all'incontro con i diversi caratteri della Nosiola, dicevo, ne abbiano davvero trovati di differenti, pensate che anni fa difficilmente si riuscivano ad avere 12 gradi alcolometrici con la vecchia concezione di fare Nosiola, oggi con le nuove tecniche in vigna e in cantina è stato superato anche questo scoglio. L'affinamento è sempre in botti di acacia ed i profumi esplodono, addirittura come già qualcuno ha sottolineato, alcune bottiglie possiamo davvero paragonarle ad uno Chablis francese.

Nella Nosiola troveremo sempre una bella acidità, ripagata da una freschezza formidabile, con profumi delicati di fiori gialli e un finale amandorlato.
Molte sono le Aziende che producono uve trattate biologicamente, da anni infatti in Trentino hanno scelto l'agricoltura biologica per le loro produzioni, e sono sempre i produttori a imprimere carattere ai vini, Vigneron che sono diventati interpreti di un nuovo modo di fare agricoltura montana, creatori di quei vini dove la qualità che troviamo in vigna, la riscopriamo in Cantina e sulle nostre tavole.
C'è poi da annoverare chi per primo negli anni settanta ha creduto nella produzione del Bianco Nosiola.

Proprio il Vignaiolo Alessandro Fanti che in quegli anni la vinificò con piacere. La sua è incredibile, dal paese di Pressano fino a San Michele all'Adige, dove le terre sono rossicce, che regalano mineralità, poi ci mettiamo l'altitudine fra i 450 e 500 metri, ed il periodo, si vendemmia infatti tra il primo ed il venti Ottobre. Ecco allora queste note minerali, che primeggiano anche nella Nosiola del 2006 che si è affinata per il 40% in legno di vecchie barrique e il 60 % in acciaio, per donarci sentori di Petrolè ed un'ottima salivazione.

Anche Lorenzo Cesconi è su a Pressano, e mi da l'idea che li ci sia un Terroir particolare perché la sua Nosiola 2002 è davvero importante, io, Matteo e Annie ci guardiamo, e negli occhi leggiamo un piacevole stupore, poi ci viene sottolineato che le viti sono vecchie, dai 50 ai 100 anni, vino sempre affinato in botti di Acacia, e se anche il 2002 è stata una vendemmia terribile, la Nosiola ne ha trovato giovamento. Come la versione del 2001 dove i sentori di idrocarburi sono addirittura la nota principale insieme a fiori gialli e il finale sempre amandorlato
Mario Pojer ci da una visione anche sulla produzione regionale di Nosiola e salta agli occhi la cifra sbalorditiva, quando negli anni settanta la produzione era di 46.000 quintali che scende nel 2000 a 13.000, nel 2010 i quintali sono 10.461 per arrivare al 2011 soltanto a 9478 quintali.

Un'altra cosa che salta agli occhi è l'importanza di lavorare in gruppo come sanno fare i Vignaioli trentini, da qui in avanti c'è anche un progetto di valorizzazione genetica, oltre a sviluppare la Nosiola Spinarola.

Voglio mettere in evidenza anche la Nosiola dell'azienda Pojer e Sandri è la vendemmia del 2003, possiamo davvero abbinarla a piatti importanti. La sua eleganza ci appaga. Chapeau !!!

Una piacevole sorpresa personale è con Erika Pedrini, giovane e attenta Enologa, dell'azienda Pravis, proprio nella Valle dei Laghi, a Calavino, ci racconta del suo territorio, di questa marna calcarea con le viti di 40 anni cullate dall'Ora, un vento tiepido che arriva dal lago. La sua è la Nosiola del 2001 affinata in acacia e non in rovere perché il profumo del legno intenso coprirebbe i profumi delicati del vino, poi l' Uva appassita per due mesi e lasciata un anno in botte. Ecco un Vino con una bella spalla e un importante mineralità. Da ricordare che gli impianti vecchi erano a Pergola semplice, ma la nuova generazione ha scelto la Spalliera.

Anche Elisabetta Foradori vinifica la Nosiola, addirittura la sua è la prima vendemmia che presenta, del 2009, una particolarità, lei vinifica in anfore, da qui l'accentuarsi delle acidità che conferiscono ricchezza di freschezza.
Posso dirvi che le varie interpretazioni della Nosiola ci intrigano, e sono davvero fuori dal comune, e questa è proprio l'occasione in cui possiamo rendercene conto.

E poi iniziamo con le annate storiche, mai ci saremmo aspettati di trovare vini ancora con un carattere pieno e sentori puliti, come tutte le Nosiola che abbiamo avuto la piacevolezza di degustare.

Ecco “Maso Nero“ di Zeni del 1992 coltivata sulla collina di Pressano e vinificata in acciaio, e ancora la Nosiola del 1983 di Pojer e Sandri, quando la tecnologia era allo stato brado, in quegli anni si curavano soprattutto le chiarifiche, e questa è la realtà della Nosiola dove trovi emozioni con profumi evoluti e sentori di pietra focaia

Ricordando che si accenna a questo vino già dal 1820 con la Nosiola Passita Castel Dublino, mi piace presentare il nettare dei nettari, il Vino Santo della Valle dei Laghi, quello di Francesco Poli Presidente in carica dell'Associazione, un Vino Santo Trentino del 1994 . Per questo vino occorre appassire il grappolo da fine settembre per 5 mesi fino a Pasqua.

Come il Vino Santo del 1993 dell'Azienda Pisoni, pregiato, importante, mai stucchevole, o quel Vino Santo Trentino del 1986 di Gino Pedrotti dove i profumi sono intensi, evoluti, ora più che mai emergono le note mielose cariche di suggestioni, per concludere con il Vino Santo del 1982 Arèle dell'azienda Pravis sempre nella Valle dei Laghi.

Sono stati davvero molti i vini degustati e come ci diceva Aurora Endrici splendida portavoce della manifestazione, i Produttori man mano che passavano i giorni antecedenti la manifestazione, trovavano quelle bottiglie di Nosiola che avevano quasi dimenticate, e quello era sicuramente il momento migliore per farle degustarle.

Diciamo che in quella giornata freddo, faceva freddo, ma vuoi l'atmosfera, vuoi ritrovare un ambiente unico di colleghi e amici ha aiutato.
Ho due cose in testa, vorrei che vini come questi degustati nell'occasione dell'incontro con i Vignaioli trentini, si potessero trovare anche in altre regioni italiane, vorrei trovarli in ristoranti con un ottimo rapporto qualità/prezzo e vorrei che il sommelier che ci presenta la Nosiola ne abbia bevuto almeno due bicchieri e almeno una volta abbia visitato il Trentino.

Le Nosiola ed il Vino Santo Trentino Degustati

1. FRANCESCO POLI, Nosiola "Maiano bianco" 2008
2. VIGNAIOLO FANTI Nosiola 2008
3. VIGNAIOLO FANTI Nosiola 2006
4. CESCONI Nosiola 2002
5. CESCONI Nosiola 2001
6. CASTEL NOARNA, Nosiola 2002
7. CASTEL NOARNA, Nosiola 2001
8. POJER&SANDRI, Nosiola 2003
9. PRAVIS, Nosiola L'Ora 2001
10. FORADORI, Nosiola "Fontanasanta" 2009
11. ZENI, Nosiola "Maso Nero" 1992
12. POJER E SANDRI, Nosiola 1983
13. FRANCESCO POLI, Vino Santo 1994
14. PISONI, Vino Santo 1993
15. GINO PEDROTTI, Vino Santo 1986
16. PRAVIS, Vino Santo Arèle 1982


[Photo credit: lucianopignataro.it]

Letto 5528 voltePermalink[1] commenti

1 Commenti

Inserito da Enzo Zappalà

il 16 settembre 2012 alle 10:40
#1
la nosiola, un altro vino sottovalutato. Io preferisco la versione in acciaio, ma, in ogni caso, può durare anni e anni e dare punti a molti vini bianchi ultra osannati dei cugini d'oltralpe. Purtroppo, in Italia, vino bianco vuole dire vino giovane. Se un ristoratore ti propone un bianco di qualche anno, subito si pensa che voglia sbarazzarsi di bottiglie "vecchie". Quando capiremo che i nostri bianchi non hanno niente da invidiare a quelli dei "furbi" francesi?
Poi, la nosiola ci regala uno dei più grandi (forse il più grande)passito italiano (e forse non solo...). Ben pochi altri passiti sanno esprimere un così perfetto equilibrio tra dolcezza e acidità. Io vado ogni anno a trovare la simpaticissima famiglia Pedrotti e il bicchierino (seguito da qualche bottiglia da portarsi a casa) è un momento sempre fantastico! E la loro nosiola sta andando di pari passo con il Vino Santo...

Inserisci commento

Per inserire commenti è necessario essere registrati ed aver eseguito il login.

Se non sei ancora registrato, clicca qui.
PUBBLICITÀ

Renato Rovetta

Renato Rovetta

 Sito web
 e-mail

Sommelier Professionista e membro della Commissione di Selezione Vini in qualità di esperto per la Camera di Commercio, oggi ValorItalia...

Leggi tutto...

Archivio Risorse Interagisci

 feed rss area vino

PUBBLICITÀ

Ultimi Commenti