Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità

Ristorante Da i Böggiaschin

di Virgilio Pronzati


La città metropolitana di Genova oltre a vantare il più grande centro storico d’Europa, ingloba l’incantevole Golfo Paradiso. Un piccolo golfo situato sulla riviera di levante, nella parte orientale del golfo di Genova,  dove sorgono alcuni dei più belli borghi marinari e montani dell’intera regione. Appena usciti da Genova, incontrate nell’ordine, Bogliasco, Pieve Ligure, Sori, Recco e Camogli, tutti sul mare, e Avegno e Uscio in collina. In questo breve tratto di Liguria, c’è tutto quello che desiderano turisti e gourmet. Piccole spiagge assolate, incantevoli e storici borghi, eleganti e confortevoli alberghi, ottimi ristoranti e buone trattorie. Non a caso, Recco epicentro della famosa focaccia IGP (fatta anche ad Avegno, Camogli e Sori), è da anni la capitale gastronomica della Liguria. Altri due comuni hanno note golosità: Camogli per le acciughe e la Sagra del pesce, Sori per pansoti e trofiette. 

Per gite o puntate fuori porta, Bogliasco è la sede ideale, essendo a soli 15-20 minuti di auto da Genova. C’è la spiaggia per abbronzarsi o asciugarsi al sole dopo una rinfrescante nuotata, e far due passi sulla bella passeggiata sul mare. Verso sera, il piacere di una cena circondati dal verde e un panorama mozzafiato. Dove? Al Ristorante Da i Böggiaschin. Un locale accogliente con spazi arredati all’aperto per l’estate, e grande e panoramica veranda per cinquanta persone.. Ad accogliervi i coniugi Luciana e Andrea Canepa, simpatica coppia di mezz’età con l’innata ospitalità (ce l’hanno nel DNA!). Già i bisnonni e nonni materni gestirono il Bitteghin nella vicina Sori fino alla seconda metà degli anni 20 – trattoria con annesse camere affianco al passaggio a livello quando la ferrovia ancora attraversava la via Aurelia – ed in cui i nonni paterni gestirono dai primi anni ‘30 alla metà circa degli anni ‘50 il bar-tabaccheria nella piazzetta adiacente all’edificio comunale di Bogliasco. 

Le proposte del Ristorante Da i Böggiaschin spaziano dai saporosi piatti di pesce e di carne prevalentemente liguri e, per gli amanti della pizza, circa venti ghiottonerie diverse. Al giovedì addirittura l’aurea farinata.

Ecco una parte delle numerose golosità realizzate dallo chef Domenico

Antipasti di terra: Gnocco fritto con salame; Crostini di ricotta al basilico con cipolle rosse caramellate all’aceto balsamico; Pizzette di melanzane; Insalata caprese “alla Bogliaschina”; Tartare di Fassona con rucola, grana e salsina alla senape.
Antipasti di mare: Insalata di polpo tiepida, con patate all'aroma di basilico; Insalatina di seppie con patate e olive riviera con olio al basilico; Tortino di baccalà con uvetta e pinoli in salsa di mele; “Muscoli” (cozze) alla marinara; Zuppetta di cozze e vongole; Involtino fritto di melanzana con gambero; Calamaretti allo zenzero con rucola, pomodorini e pinoli tostati.   

Primi piatti di terra: Pansoti”in sarsa de nōxi”(in salsa di noci); Trofie “co-o pesto”(al pesto) alla Genovese con patate e fagiolini; Ravioli ai carciofi con sugo alla Cardinale; Gnocchi mantecati alle erbe fini: Croxetti alla Ligure con burro fuso, pinoli tritati, maggiorana e formaggio grattugiato.

Primi piatti di mare: Penne allo spada con melanzane, pomodorini e basilico: Ravioli di pesce con branzino e pomodorini; Calamarata ai muscoli, con fagioli cannellini e pecorino su vellutata di zucchine; Spaghetti allo scoglio; Linguine alle vongole con cacio e pepe; Calamarata al basilico” de-i-Böggiaschin” con calamari, pomodorini e pinoli.      

Secondi piatti di pesce: Bianco d’orata con funghi porcini o con patate, pinoli e pomodorini; ; Cartoccio di mare;  Pesce spada con asparagi e pomodorini;     Pesce alla griglia; Gamberi alla griglia flambati al Cognac; Grigliata mista di mare; Acciughe fritte; Bagnón de ancioe (Zuppetta di acciughe alla Ligure al pomodoro); Filetti di gallinella al limone (con pepe rosa e olio agliato al basilico); Stoccafisso accomodato (al venerdì).

Secondi piatti di carne: Entrecôte alla griglia; Bogliaschina di manzo in salsa tartufata; Filetto di manzo alla griglia; Controfiletto "alla paesana" (al cartoccio con patate e funghi); Tagliata di manzo con rucola e grana; Filetto in Sinfonia dello Chef (al Marsala secco con fontina e burro al tartufo); Controfiletto al pepe verde;

Le pizze  di Davide (da euro 5,50 a 15 euro - Speciale)
Marinara, Margherita, Stracchino, Bufala, Napoli, Siciliana, Wurstel; Cotto; Crudo; Pugliese; Salsiccia; Diavola; Panna e speck; Quattro stagioni; Capricciosa; Quattro formaggi; Ortolana; Calzone; Calzone ripieno; Salame; Funghi; Tonno; Cotto e funghi. E la sorpresa di altre 21 sfiziosità  

Dolci: Tiramisù; Panna cotta; Cassatina “de-i-Böggiaschin” ai frutti di bosco; Torta di mele al modo di Monique; Sorbetto al limone; Dolce del giorno.

Dalla cantina buoni vini liguri Doc Golfo del Tigullio-Portofino e Riviera Ligure di Ponente e di altre regioni, nonchè  invitanti bianchi e rossi serviti in caraffe da 25 a 100 cl.

Infine parliamo del conto: una cena di quattro portate di cui tre di terra abbinate a mezzo litro di buon vino IGT ligure, e il coperto: si aggira sui 43-45 euro.  Se di mare, sui 50-52 euro.    

Ristorante Da i Böggiaschin - Via Marconi Loc. Cassa 16031 Bogliasco (GE) - Tel. 0103470017 - Cel. 3202969796 -  Aperto alla sera dal lunedì alla domenica. Consigliata la prenotazione.
Per arrivarci da Bogliasco: oltrepassati la galleria e il ponte, prendere via Marconi (la strada a sinistra) e salire per dieci minuti in mezzo al verde, raggiungendo il Campeggio Genova Est.  E’ possibile parcheggiare ai lati della strada.

Nella foto: Luciana e Andrea Canepa i patrons del ristorante Da i Böggiaschin
Letto 197 volteLeggi tutto[0] commenti

Ultimi post della Redazione di TigullioVino.it

  • Pasta: alimento per tutti o quasi
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 28 luglio 2020 alle 20:06

    La pasta ha radici antiche. La sua origine risale a più di due millenni fa. Il merito di questa scoperta è da attribuire ai nomadi mongoli che, nelle loro scorribande la fecero conoscere agli Arabi. Da questi ultimi, la sua introduzione in Italia, iniziando dalle regioni meridionali. Per secoli la pasta fu solo fresca. Ossia fatta e mangiata quasi giornalmente....

    letto [499] volteLeggi tutto[0] commenti
  • La Drago Forneria: un vanto di Genova
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 26 maggio 2020 alle 20:34

    La storia di una città è fatta da grandi e piccoli avvenimenti, perlopiù realizzati da personaggi che la rendono ancor oggi nota nel mondo. Un tempo, come il resto del nostro Paese, fu terra di santi, poeti e navigatori. Di quest’ultimi il più illustre fu Cristoforo Colombo. Nell’arte della musica l’insuperato  Niccolò...

    letto [2786] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Le delizie dell'amico - Mangiare...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 10 maggio 2020 alle 23:23

    Parlando di farinata e torte di verdure, è naturale pensare a Genova. Ghiottonerie, che superando l’usura dei tempi e delle mode, sono ancor oggi apprezzate da genovesi e foresti.  Per i zeneixi la farinata o meglio a fainâ, non è solo un mangiare ma un simbolo di genovesità. Una focaccia salata morbida e sottile alcuni millimetri, fatta...

    letto [3611] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Il recupero di un vitigno dimenticato
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 03 maggio 2020 alle 20:16

    Origini e storia Il vitigno Simixà (o Scimiscià) era già coltivato nell’entroterra del levante genovese sin da almeno quattro secoli. Di tali testimonianze purtroppo non c’è traccia, poiché molti scritti sul vitigno e sul vino sono andati persi. Sue notizie scritte, le troviamo nella seconda metà dell’Ottocento....

    letto [3794] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Il Brunello? Sempre il Benvenuto!
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 03 maggio 2020 alle 12:08

    Montalcino e il Brunello Se il Brunello di Montalcino è oggi uno dei vini più conosciuti e apprezzati nel mondo, il merito è in gran parte della famiglia Biondi Santi. Una lunga storia iniziata con Clemente Santi, che prosegue oggi con Franco e i suoi figli Jacopo e Alessandra. Quasi alla fine dell’Ottocento, da una felice intuizione del garibaldino...

    letto [4207] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Anteprima del Vino Nobile di...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 01 maggio 2020 alle 01:44

    La Toscana come gran parte d’Italia si potrebbe definire un museo a cielo aperto.  Antiche città patrie d’illustri personaggi di ogni forma di cultura. Nelle vaste e suggestive zone verdi, dominano la vite e l’ulivo.  Colline ornate da castelli, pievi e cipressi. Un altro patrimonio storico paesaggistico che si coniuga con tutto il resto....

    letto [3831] volteLeggi tutto[0] commenti

La Redazione di TigullioVino.it