Registrati!

hai dimenticato la password?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi invia.

ricerca avanzata

cerca in
Pubblicità
Home > Autori

Chianti Classico Collection 2017, a confronto annata 2015, la Riserva 2014 e la Gran selezione 2013

di Luigi Salvo

La Chianti Classico Collection 2017, l’anteprima del grande vino toscano si è svolta alla Stazione Leopolda di Firenze, 185 le cantine partecipanti con 676 etichette in degustazione, quasi 300 i giornalisti presenti dai quattro continenti. Tantissime le annate con focus particolare sul Chianti Classico 2015, la Riserva 2014 e la Gran Selezione 2013


Il Chianti Classico nel 2016 ha  festeggiato i 300 anni dallo storico bando di Cosimo III dei Medici che ne delimitava il territorio di produzione con numeri da record, nel 2016 sono stati venduti ben 285.500 ettolitri,  la crescita negli ultimi cinque anni è stata davvero significativa con un più 48,5%, la quota export è attualmente del 78%, i paesi più importanti sono Stati Uniti d’America con il 32%, Germania 13%, Canada 8%, Regno Unito e Paesi Scandinavi 5%. Il mercato cinese rappresenta oggi il 2% della produzione, all’inizio del 2016 è stata registrata la traslitterazione in ideogrammi delle parole Gallo Nero, che presto accompagnerà il nome Chianti Classico.

Per il secondo anno consecutivo è cresciuta anche la quota del Chianti Classico venduto in Italia che si attesta al 22%. Il volume d’affari della produzione imbottigliata del Chianti Classico è di circa 400 milioni di euro ai quali si aggiungono quelli derivanti dall’l’olio e dal grande afflusso enoturistico che fanno salire il giro d’affari a circa 700 milioni di euro.

Dopo aver assaggiato tantissimi vini nelle diverse tipologie il quadro appare chiaro,  i Chianti Classico annata 2015 hanno messo in mostra in tantissimi vini qualità e piacevolezza, la Riserva 2014, invece, per l’annata decisamente problematica ha mostrato una variegata qualità, in alcuni casi il legno si è espresso in maniera invadente, pur non mancando alcune punte di eccellenza significative.  Di gran livello la Gran Selezione 2013.

Ecco  i migliori 5  vini assaggiati nelle tre tipologie:

Chianti Classico 2015
Barone Ricasoli Brolio: ottima performance, naso caratteristico con floreale di viola, fruttato di ciliegia e ribes, al gusto è scattante ed avvolgente.

Castello di Fonterutoli Fonterutoli: ha naso intenso e ampio, sfaccettature floreali e fruttate, spezie dolci, sorso pieno di ritmo ed eleganza.

Castello di Monsanto: giganteggia con viola, lampone e ribes, erbe aromatiche ed alloro, sorso ampio e lungo.

Isole e Olena: inebriante di viola e di rosa, frutti rossi freschi, mentolo e spezie, sorso sontuoso per ampiezza e profondità.

Podere Poggio Scalette Poggio Scalette: fragola e confettura di ciliegia, ginepro e menta, cresce al sorso e si allarga mirabilmente.

 

Chianti Classico Riserva 2014
Antinori nel Chianti Classico Marchese Antinori: olfatto pieno di frutta in confettura, pepe e liquirizia, beva classica ed avvolgente.

Castello di Vicchiomaggio Agostino Petri: naso dai toni fruttati e vegetali, poi ciocolatto e caffè, bocca convincente e lunga.

Dievole Novecento: profumo articolato che spazia dal floreale al fruttato con percezioni agrumate e tostate, beva elegante di ottima fattura.

Fattoria San Giusto a Rentennano Le Baroncole: frutto nitido di fragolina di bosco, ribes, rosmarino e pepe nero, bocca fresca e sapida.

Monteramponi: naso espressivo e bocca ottima per un vino che piace subito e non stanca per l’ alternarsi di sensazioni fresche ed avvolgenti.

 
Chianti Classico Gran Selezione 2013
Castello di Fonterutoli: naso elegante di frutto, lamponi, more, amarene, condito da sottobosco, menta e liquirizia, bocca da ricordare.

Castello di Verrazzano Sassello Vigneto Querciaiola: buon mix al naso tra frutto e tostatura, in bocca dalla bella spina acidica è polposo di amarena e lungo di spezie.

Castello di Volpaia Il Puro: bouquet complesso, viola, mirtillo, tabacco, note agrumate e balsamiche,  beva di un’eleganza disarmante.

Fontodi Vigna del Sorbo: mirabile fruttato di amarena con lavanda, macchia mediterranea e cortecce balsamiche, sorso definito e piacevole.

San Felice Poggio Rosso: bello al naso ed elegante in bocca, ricco di floreale di viola, lavanda, iris, fruttato di mirtilli e lamponi, poi liquirizia e tabacco, sorso lungo e sapido.

Letto 169 volteLeggi tutto[0] commenti
Pubblicità Risorse Interagisci

 feed rss area autori

Ultimi post della Redazione di TigullioVino.it

  • Combattere i tumori con l'alimentazione...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 23 gennaio 2017 alle 19:27

    Molti bravi ricercatori e insigni professori hanno dedicato e dedicano gran parte della loro vita a curare il cancro.  La loro opera ha portato a dei risultati importanti.  Prevenzione e tempestività sono sicuramente fattori positivi, ma purtroppo non sempre vincenti.  Necessaria la corretta informazione fornita non solo a chi ne è colpito,...

    letto [1370] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Il Valpolcevera Janua a Villa Durazzo...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 16 gennaio 2017 alle 22:14

    Sempre più spesso, ville e dimore storiche genovesi sono le location preferite per  presentazioni e degustazioni di vini pregiati. L’ultima, nello scorso dicembre, si è tenuta nella fastosa Villa Durazzo Bombrini di Cornigliano, quartiere del ponente genovese. Costruita a partire da 1752, su progetto di Pierre Paul De Cotte per il marchese...

    letto [2191] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Enogastronomia & Cultura contadina...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 01 gennaio 2017 alle 18:36

    Sergio Circella patron del ristorante La Brinca di Ne, unico tre Gamberi in Liguria, da anni promuove serate a tema che riscuotono sempre più il consenso di esigenti gourmet.  Con basi sceltissime e spesso biologiche e del territorio, la famiglia Circella realizza piatti di straordinaria armonia, esaltati dai vini che Sergio seleziona continuamente. Non...

    letto [1783] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Vino in Villa: Fratelli Bortolin, Ca' di...
    Luigi Bellucci su Viaggi enogastronomici

    Pubblicato il: 20 dicembre 2016 alle 17:40

    Fratelli Bortolin Lascio la piacevole compagnia di Stefano, Elisabetta e dei due colleghi dell’est per spostarmi verso Santo Stefano di Valdobbiadene, dove mi aspetta la visita a Fratelli Bortolin. Diego è in cantina mentre Andrea sta raccogliendo gli altri ospiti per la visita, in giro per il territorio. Iniziamo la visita con Diego, enologo come il fratello....

    letto [1170] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Lavagna: 4° Torneo Pesto al mortaio...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 19 dicembre 2016 alle 00:29

    Con Pesto & Dintorni Lavagna è stata per dieci anni la capitale del pesto genovese.  I migliori produttori artigianali genovesi e liguri di questa tipica salsa ne sono stati il traino.  Sul pesto si susseguivano affollati convegni, tavole rotonde e, dimostrazioni continue, sulla sua realizzazione e di altre storiche salse fatte al mortaio. ...

    letto [1680] volteLeggi tutto[0] commenti
  • Convegno sull'extravergine a Sestri...
    Virgilio Pronzati su Vocacibario

    Pubblicato il: 17 dicembre 2016 alle 21:49

    Girolio d’Italia è senza dubbio, una delle più riuscite manifestazioni nazionali dedicate all’extravergine d’oliva, in particolare DOP. Un tour tra le regioni olivicole nostrane promosso dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio costituita nel 1994 a Larino, che dal 2010 attraversa l’Italia, valorizzando oltre...

    letto [1503] volteLeggi tutto[0] commenti

La Redazione di TigullioVino.it